1° Maggio: il programma delle manifestazioni a Modena e provincia

“Sicurezza: il cuore del lavoro”. È questo il tema scelto da Cgil Cisl Uil per la festa nazionale del 1° Maggio che quest’anno si tiene a Prato, città che rappresenta una realtà industriale dove il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è fortemente sentito. A Prato terranno il comizio i tre segretari nazionali di Cgil Susanna Camusso, Cisl Annamaria Furlan e Uil Carmelo Barbagallo. Anche a Modena Cgil Cisl Uil ribadiranno dai palchi delle manifestazioni l’impegno per la legalità, il lavoro regolare e di qualità, la difesa delle condizioni di vita delle persone, lo sviluppo socialmente e ambientalmente compatibile. I sindacati ribadiranno a gran voce che non è giusto morire a causa del lavoro, che non ci si può ammalare sul posto di lavoro e che non si può e non si deve accettare di lavorare in condizioni pericolose o rischiose. In diverse manifestazioni sono previsti gli interventi di rls (rappresentanti lavoratori per la sicurezza) che porteranno la loro esperienza sul posto di lavoro. Come da tradizione, a Modena e provincia si terranno sette manifestazioni.
A Modena la festa del 1° Maggio si caratterizza da alcuni anni per la presenza dei giovani. Anche quest’anno parteciperanno gli studenti del liceo musicale Sigonio, del liceo artistico Venturi e della scuola media Marconi. La giornata si aprirà alle 9 in piazza Roma dove parte la Wind Band del liceo musicale Sigonio per una marcia musicale lungo le strade del centro storico. Dopo l’arrivo della band, alle 10.45 in piazza Grande è prevista una breve esibizione musicale degli studenti della scuola media Marconi, che eseguiranno brani dedicati a pace e lavoro. A seguire l’intervento di Manuela Gozzi, segretario provinciale Cgil Modena. Dopo il comizio, cioè intorno alle 11.15, inizierà il concerto dell’orchestra e degli ensemble da camera del liceo musicale Sigonio che proporranno brani di musica pop e leggera, intervallati da brevi presentazioni. A partire dalle 10 gli studenti del liceo artistico Venturi daranno vita a estemporanee di pittura sul 1° Maggio, mentre per tutta la mattinata sarà presente in piazza Grande la mostra con i lavori che hanno realizzato durante l’anno scolastico. Durante la manifestazione avverrà la distribuzione di garofani, coccarde e palloncini colorati. La festa del 1° Maggio a Modena gode del patrocinio del Comune e del sostegno degli sponsor Gruppo Pace, Methodo, Master Voice e Unipol. La chiusura delle celebrazioni è prevista intorno alle 12.30. Alle 21 al Teatro Comunale andrà in scena lo spettacolo teatrale co-promosso da Cgil Cisl Uil insieme a Ert, Fondazione teatro comunale Modena, Remc e Comune di Modena e con il contributo di Bper Banca. Lo spettacolo, intitolato “Oriele e la fabbrica del tabacco”, scritto da Elena Bellei con la consulenza drammaturgica di Emanuele Aldrovandi, racconta la storia delle operaie della Manifattura Tabacchi nel ventennio fascista. Ingresso gratuito, i biglietti si ritirano presso l’Urp del Comune e lo sportello Iat di piazza Grande e presso le sedi dei Quartieri 2, 3, 4.
A Carpi, dove il ritrovo è alle 9.30 presso le sedi sindacali, il corteo per le vie della città partirà alle 10, insieme ai manifestanti provenienti in bicicletta da Soliera e con l’accompagnamento della banda cittadina. Dopo l’arrivo in piazza Martiri, alle 10.30 si terrà l’intervento di Luigi Tollari, segretario Uil Modena e Reggio Emilia. In piazza saranno presenti i sindaci dell’Unione Terre d’Argine con i rispettivi gonfaloni, gli stand delle associazioni di volontariato e laboratori creativi e di riciclo a cura della cooperativa sociale Giravolta. Le manifestazioni carpigiane proseguono nel pomeriggio, presso il cortile d’onore del Palazzo dei Pio, dove dalle 15 alle 16.30 si terrà il Concerto di Primavera del Corpo Bandistico Città di Carpi che eseguirà marce classiche e contemporanee, musica da film e brani tradizionali. In piazza Martiri dalle 17 alle 19 ci sarà il concerto, organizzato in collaborazione con il circolo Arci Kalinka, della Banda musicale itinerante San Crispino, la street band più scatenata e trasgressiva d’Italia: ottoni, legni, percussioni e chitarra, tutti in canotta e fazzoletto a quattro nodi. Eseguirà un repertorio di valzerini e polke della tradizione romagnola e non, alcuni funkettoni stile New Orleans, sigle tv, brani popolari italiani e stranieri, un po’ di raggae e ska, sound balcanici, ma anche disco-music e techno. In serata (ore 20.30) al cinema Ariston di San Marino ci sarà la proiezione unica a ingresso ridotto del film “Nome di donna” (drammatico, Italia-Francia 2018) di Marco Tullio Giordana, con Cristiana Capotodondi e Michela Cescon. Il film affronta il tema delle molestie sul lavoro attraverso la figura della protagonista Nina che lavora in una residenza per anziani facoltosi della provincia lombarda. Un mondo elegante, quasi fiabesco, che cela però un segreto scomodo e torbido. Quando Nina lo scoprirà, sarà costretta a misurarsi con le sue colleghe italiane e straniere, per affrontare il dirigente della struttura, in un’appassionata battaglia per far valere i suoi diritti e la sua dignità. Tutte le iniziative del 1° Maggio a Carpi godono del patrocinio dell’Unione Terre d’Argine e si avvalgono del contributo di Abitcoop, Cmb, Gulliver cooperativa sociale e Sinergas.
A Soliera i manifestanti si ritroveranno alle 8.30 in piazza Lusvardi per la biciclettata a carpi, che partirà alle 9 e arriverà alle 10 per unirsi al corteo in via Fassi. Nel pomeriggio (alle ore 15) torna l’appuntamento con la festa dei sindacati pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil e Cupla presso la casa protetta “Sandro Pertini” con orchestra e rinfresco per tutti i partecipanti (ospiti, operatori, familiari e cittadini).
A Mirandola la manifestazione inizierà alle 9.30 con il ritrovo del corteo in piazzale Costa, dal quale partirà il corteo. Prima della partenza ai partecipanti sarà offerta la colazione presso la sede Cgil. Alle 10 avverrà la partenza del corteo che, dopo la sfilata per le vie cittadine con l’accompagnamento delle filarmoniche “Andreoli” e “Diazzi”, confluirà in piazza della Costituente, dove alle 11 parlerà Carlo Preti, responsabile di zona della Cisl Emilia Centrale.
A Finale Emilia nel pomeriggio (ore 14.30-19.30) in piazza Verdi ci sarà il tradizionale concerto dei gruppi giovanili “1° Maggio in musica”.
A San Possidonio in piazza Andreoli avverrà alle 16.30 la donazione di un defibrillatore al Comune da parte della famiglia Gilioli, presenti il sindaco Rudi Accorsi, i volontari della Croce Blu di Concordia e della Protezione Civile di San Possidonio. Sarà in funzione lo stand gastronomico con gnocco fritto, mentre alle 17 ci sarà il concerto dei Krasì… Musiche dal Sud, con musica popolare, pizzica, balkan, folk e rock.
A Vignola lavoratori e mezzi meccanici si concentreranno alle 9.30 nel piazzale di via Ballestri. Alle 10 il corteo sfilerà per le vie cittadine accompagnato dal corpo bandistico di Marano sul Panaro. Alle 10.30 nell’ex mercato ortofrutticolo di Vignola interverrà Anna Paragliola, coordinatore Cgil Vignola. La manifestazione del 1° Maggio, durante la quale è prevista, come da tradizione la distribuzione di garofani rossi, gode del patrocinio dell’Unione Terre di Castelli e vedrà la presenza dei sindaci con i gonfaloni comunali. Durante il comizio nell’area ex mercato si raccoglieranno le firme per l’appello “Mai più fascismi!” a cui aderiscono anche Cgil Cisl Uil.
A Castelfranco Emilia il concentramento del corteo avverrà alle 9.30 in piazza Aldo Moro. I partecipanti, accompagnati dalla banda cittadina, sfileranno insieme ai tradizionali mezzi agricoli e industriali delle associazioni di categoria in corso Martiri, in via Circondaria Nord e fino a piazza della Vittoria, dove si terrà alle 11 l’intervento di Maurizio Brighenti, responsabile di zona della Cisl Emilia Centrale. Anche a Castelfranco ci sarà la tradizionale distribuzione dei garofani e saranno presenti gli amministratori pubblici dell’Unione del Sorbara con i gonfaloni.
A Sassuolo la manifestazione comincerà alle 9.30 in piazza Garibaldi con la distribuzione di garofani e coccarde. Sono previsti il concerto della banda cittadina e l’intervento di Alberto Zanetti (segreteria Uil Modena e Reggio Emilia). Sono invitati alla manifestazione i sindaci di Sassuolo, Formigine, Fiorano e Maranello con i rispettivi gonfaloni comunali. Nel pomeriggio è in programma la biciclettata storica “Fame e lavoro. Donne e uomini a Sassuolo nel dopoguerra” per le vie della città, con partenza alle 16 da piazza Garibaldi e arrivo alle 18.30 al circolo Arci “Alete Pagliani” (via Monchio 1). Faranno da guida Paola Gemelli e Daniel Degli Esposti per ripercorrere in una narrazione storica i luoghi del lavoro nel secondo dopoguerra in sei tappe, tra cui alcuni stabilimenti ceramici e officine meccaniche.
A Pavullo autorità e cittadini si incontreranno alle 9.30 in piazza Montecuccoli. Alle 10 ci sarà il tradizionale omaggio ai caduti sul lavoro nelle miniere di Marcinelle (Belgio), con deposizione di fiori presso la lapide. Alle 10.15 partirà la sfilata del corteo fino a piazza Borelli, dove alle 10.30 parlerà Augusto Casagrandi (coordinatore Cgil Pavullo). Durante la manifestazione sarà presente la banda municipale.

2018-04-27T11:47:05+00:00