Abolizione sconto energia Enel: Fnp assiste sia chi accetta sia chi si oppone

SERGIO DAVOLI_4

Sergio Davoli (segreteria Fnp Cisl Emilia Centrale)

Il sindacato pensionati della Cisl è a disposizione degli ex dipendenti Enel che hanno deciso di accettare la proposta di transazione della compagnia elettrica, la quale nello scorso ottobre ha disdettato un vecchio accordo che concedeva sconti in bolletta ai dipendenti, pensionati Enel e loro superstiti. La stessa Fnp Cisl Emilia Centrale fornisce, comunque, assistenza anche a coloro che si oppongono alla transazione e decidono di procedere per vie legali. La vicenda interessa i quasi 500 pensionati Enel di Modena e provincia che fino al 31 dicembre 2015 hanno usufruito di una tariffa agevolata sull’energia. Si tratta di uno sconto che valeva da 700 a 1.400 euro all’anno per ogni pensionato, in base al consumo individuale. Per limitare il contenzioso, a ottobre l’Enel ha firmato un accordo con i sindacati che prevede il pagamento una tantum di una somma di qualche migliaio di euro. «L’importo varia in base all’età del percettore – spiega Sergio Davoli, componente della segreteria Fnp Cisl Emilia Centrale ed egli stesso pensionato Enel – Si va dai 6 mila euro (lordi) riconosciuti ai 60 enni ai 1.800 euro per gli ultra 83 enni. Chi decide di accettare la transazione Enel deve consegnare alcuni documenti: copia della lettera inviata da Enel, documento di identità, codice fiscale, l’ultima bolletta Enel ricevuta, Iban del conto corrente sul quale farsi accreditare l’una tantum. Al resto pensiamo noi. Se non ci sono intoppi burocratici, entro 60 giorni arriva il bonifico». C’è tempo fino al 31 dicembre 2016 per firmare il verbale di accettazione. A oggi sono 120 gli ex dipendenti Enel che si sono rivolti agli uffici Fnp Cisl di Modena e provincia per accettare la transazione. Il sindacato pensionati della Cisl, però, assiste anche chi si oppone alla proposta Enel e preferisce adire le vie legali. A questo scopo la Fnp ha sottoscritto una convenzione con uno studio legale che applica tariffe agevolate. «La via giudiziaria è per certi versi comprensibile, perché quello offerto da Enel è un risarcimento parziale. Tuttavia – sottolinea Davoli – segnaliamo che la Corte d’Appello di Roma ha già respinto il ricorso di alcuni dipendenti Enel che si erano opposti all’abolizione dello sconto energia. In ogni caso, sia che si accetti la transazione, sia che ci si opponga, i nostri uffici sono a disposizione dei pensionati Enel», conclude il segretario della Fnp Cisl Emilia Centrale.

2016-06-03T10:33:36+00:00