Viene presentato domani – venerdì 18 ottobre – ad Albareto di Modena “In forma mentis”, il progetto dell’Azienda Usl di Modena sulla prevenzione delle patologie neurodegenerative. L’incontro, promosso dai sindacati dei pensionati Spi Cgil Modena, Fnp Cisl Emilia Centrale e Uil Pensionati Modena, è in programma alle 17 alla polisportiva Forese Nord (via Albareto 586); è rivolto in via sperimentale alla popolazione anziana della frazione, ma è aperto a tutti. Incontri di questo tipo sono periodicamente promossi dai sindacati pensionati di Cgil Cisl Uil in altre frazioni e quartieri di Modena e nei Comuni della provincia. Saranno presenti all’incontro di domani pomeriggio il geriatra Andrea Fabbo (direttore Uoc disturbi cognitivi e demenze-Dipartimento cure primarie Ausl Modena), Andrea Spanò (direttore del distretto sanitario di Modena) e Augusto Savino (servizio medicina dello sport). A tutti gli intervenuti verrà presentato il progetto “In forma mentis”, corso di ginnastica mentale e fisica e di educazione alla salute nella popolazione anziana. In base alle adesioni che saranno raccolte tra i presenti, l’équipe del dottor Fabbo attiverà uno o più corsi, anche in base ai test preliminari sulle persone che intendono aderire. L’invecchiamento della popolazione anziana acquista sempre maggior importanza in una società come la nostra che soffre di basso tasso di natalità. Inoltre è fonte di preoccupazione per tutti coloro che sono consapevoli del fatto che una vecchiaia vissuta male può essere un problema non solo per gli anziani, ma anche per la società che, se non attiva correttivi efficaci, rischia di pagare enormi costi economici e sociali. L’aumento delle malattie non trasmissibili come le patologie neurodegenerative – tra queste la malattia di Alzheimer – si può contrastare con iniziative utili a mantenere in efficienza il corpo e la mente. È proprio a questo scopo che è finalizzato il progetto “In forma mentis” che Spi Cgil Modena, Fnp Cisl Emilia Centrale e Uil Pensionati Modena, in collaborazione con il Servizio sanitario regionale e il Comune di Modena, sono impegnati a presentare in incontri come quello di domani rivolto ai loro associati e alla popolazione anziana in generale.