Una buona notizia per i tanti cittadini che vivono in una casa in affitto. Si aprirà, infatti, il 15 settembre dalle ore 12 e sarà operativo sino al 21 ottobre alla medesima ora il “Bando affitti” regionale, col quale gli inquilini in affitto potranno accedere a un contributo di importo fino a 1.500 euro, collegato all’Isee.

“Si tratta di una misura ormai consolidata che unisce risorse del Governo, per 34 milioni di euro, e della nostra Regione, che ne ha stanziati altri 5,8, ed è gestita dai Comuni – osserva Andrea Sirianni, segretario Cisl Emilia Centrale – : fornisce un aiuto estremamente importante, tanto più quest’anno, se si considera di quanto sia cresciuto il numero di famiglie, per lo più lavoratori e lavoratrici, pensionate e pensionati, che non riescono a pagare regolarmente l’affitto o che sono ora in grave difficoltà per il pagamento delle bollette, a causa del forte aumento dei prezzi ,in particolare dell’energia. Gli affitti seguono, infatti, l’andamento economico inflazionistico ed in più sono cresciuti in modo esponenziale i costi delle forniture energetiche per la casa, facendo perdere potere d’acquisto ai lavoratori e pensionati. Ecco perché riteniamo importante questa misura che, comunque, non è esaustiva: abbiamo bisogno di rilanciare una azione complessiva sul tema della Casa, che è un elemento essenziale di sicurezza per le persone e per le nostre famiglie. Con questi aumenti insostenibili degli affitti, delle bollette e dei prezzi in generale, con gli ultimi indici che parlano di un +8%, è a rischio la coesione sociale sui nostri territori” Sirianni

 

“Abbiamo bisogno di generalizzare una vera e forte garanzia pubblica sugli affitti, una ulteriore diffusione e rafforzamento delle Agenzie Casa, di un nuovo grande investimento nella edilizia residenziale pubblica, che purtroppo manca nel Pnrr, di un rilancio ulteriore del sistema incentivante degli affitti concordati che permettono di calmierare i costi dell’affitto – osserva Eugenia Cella, segretaria regionale e territoriale del Sindacato inquilini casa e territorio (Sicet) della Cisl -. Intanto guardiamo con preoccupazione all‘ultimo indice Istat che rileva un aumento degli affitti del +7,8% su base annua. Nel 2021 su un totale di circa 52 mila domande accettate in Emilia-Romagna, 4.898 sono state accolte a Reggio 9.098 a Modena. Purtroppo per quest’anno ci aspettiamo numeri sensibilmente più alti stante la situazione di maggiore difficoltà che potrebbe indurre più famiglie a presentare domanda”.

“Vista la situazione eccezionale come Cisl sui nostri territori a Reggio e Modena abbiamo dato la disponibilità oltre che con gli operatori del Sicet anche con tutti gli sportelli del Caf per aiutare le persone e le famiglie nella compilazione ed invio della domanda presso tutte le nostre sedi, reperibili anche su www.cislemiliacentrale.it “.

 

I REQUISTI

Per accedere al bando affitti è necessario possedere un Isee ordinario o corrente fino a 17.154 euro (graduatoria 1) oppure fino a 35.000 euro se si ha avuto un calo del reddito superiore al 25% (graduatoria 2). Sono esclusi dal beneficio gli inquilini che hanno avuto altri contributi per lo stesso scopo e gli assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica che possono accedere solo alla graduatoria 2. Inoltre il contributo del bando affitti non è cumulabile con la quota destinata all’affitto nel reddito di cittadinanza.