Hanno scioperato quasi tutti i lavoratori e la produzione degli impianti è rimasta ferma per tutti i tre turni ieri – venerdì 27 ottobre – alla Cbs di Spilamberto. Motivo dello sciopero e dello stato di agitazione (che prevede un pacchetto di tre giorni di sciopero e il blocco degli straordinari) è la difesa dei posti di lavoro e la richiesta di investimenti per il rilancio della produzione. I sindacati Filctem Cgil Modena, Femca Cisl Emilia Centrale, Uiltec Uil Modena-Reggio e Fesica Confsal chiedono che l’azienda ritiri gli esuberi dichiarati (otto addetti su 25) e torni sui suoi passi. In caso contrario proseguiranno le mobilitazioni già dalla prossima settimana.