Riceviamo dai dipendenti della ceramica Opera di Camposanto e pubblichiamo la seguente lettera.

Le lavoratrici e i lavoratori della ceramica Opera Group di Camposanto non condividono, in quanto non corrispondente alla realtà, quanto apparso sulla stampa locale in questi giorni e le iniziative portate avanti dai Cobas, sia nei metodi che nelle motivazioni.
Le lavoratrici e i lavoratori informano che, sui 230 dipendenti di Opera, alle iniziative promosse dai Cobas hanno aderito tre dipendenti (tra i quali il lavoratore licenziato e suo fratello).

Lo striscione no Cobas scritto e firmato dai dipendenti della ceramica Opera

Le lavoratrici e i lavoratori di Opera, inoltre, affermano che, come sempre è stato e sempre sarà, saranno pronti a difendere i propri colleghi qualora le situazioni e i contesti siano oggettivi e meritevoli di tale impegno.