PATRIZIA DE COSIMO_3

Patrizia De Cosimo (Cisl Fp Emilia Centrale)

Sollecitiamo l’AUSL a che si preoccupi di razionalizzare e la smetta di mettere le mani nelle “tasche dei lavoratori”
L’Azienda spieghi quanto sta spendendo in straordinario
Il dato che ha fornito pare “dimenticare” alcuni “pezzi”
L’Azienda USL di Modena gestisce soldi pubblici pertanto deve rendere conto ai cittadini di come vengono utilizzati, per questo chiediamo che abbia il coraggio di pubblicare i dati sullo straordinario degli infermieri degli ultimi due anni, i sindacati infatti non ne sono mai venuti a conoscenza con certezza facendo in modo che la trasparenza non sia solo uno slogan. Tutti i sindacati avevano denunciato con un comunicato stampa nel Novembre scorso oltre 300mila ore di straordinario effettuate da gennaio ad agosto nel 2015. Perché l’Azienda smentisce ora i dati e non lo ha fatto nel Novembre scorso quando non replicò né smentì quanto detto dai sindacati? L’Azienda deve fornire dei dati completi sullo straordinario, quello pagato e quello ancora da recuperare, quello fatto per la formazione e quello per coprire le carenze organizzative e che sovraccarica il personale di rientri e di ore. Deve spiegare perché oltre 7 milioni di euro dei fondi, (un dato in linea con quello delle altre Aziende Sanitarie) non sono sufficienti a pagare anche gli straordinari, e cerca di mettere le mani “nelle tasche dei lavoratori” per coprire proprie inefficienze e disorganizzazioni, cercando anche l’avallo dei sindacati? Perché non ha il coraggio di intervenire sull’organizzazione per qualificare i propri dipendenti e gratificare la professionalità usando proprio quei soldi che, invece, utilizza per gli straordinari? Perché vuol mantenere un basso profilo ed assumere dall’esterno dei “professionisti” quando potrebbe qualificare meglio i propri dipendenti? Perché per i professionisti esterni l’Azienda mette soldi propri mentre per i dipendenti fa il gioco delle tre carte ed utilizza i soldi dei lavoratori? Perché non rispetta un articolo del contratto collettivo nazionale che è chiarissimo e opposto a quanto dichiara nel comunicato?
Invece di smentire chi cerca trasparenza ed efficienza, l’Azienda dovrebbe trovare le soluzioni insieme ai lavoratori e dovrebbe prendere dal proprio bilancio i soldi che usa malamente depauperando i fondi dei lavoratori.