“Pubblico per il pubblico, lavoratori uniti per dare cure e servizi ai cittadini”. Queste, in sintesi, le richieste dell’iniziativa, promossa da Fp Cgil Cisl Fp e Uil Fpl, svolta venerdì 13 novembre davanti all’Arcispedale Santa Maria Nuova, a cui hanno partecipato tutte le rappresentanze lavoratori del pubblico impiego. Un segno di solidarietà verso il personale sanitario, che conta 7.000 unità a Reggio Emilia e che sta affrontando in prima linea questa emergenza pandemica, per rivendicare il diritto a lavorare in sicurezza, il rinnovo dei contratti e nuove assunzioni.

“Una iniziativa – spiegano Gennaro Ferrara, responsabile sanità e segretario Cisl Fp, Gaetano Merlino, responsabile sanità e funzionario Fp Cgil, Giuseppe Belloni, segretario provinciale Uil Fpl – che segue lo stato di agitazione già proclamato dalle categorie nelle scorse settimane. In questa fase di mobilitazione del lavoro pubblico per rivendicare innovazione nella pubblica amministrazione, rinnovo dei contratti e nuove assunzioni”.

 

“Le lavoratrici e i lavoratori pubblici – proseguono i sindacalisti – danno massimo sostegno e priorità a tutto il personale sanitario. È assolutamente necessario garantire loro di lavorare in sicurezza, assicurandogli costantemente dispositivi di protezione individuale, tamponi e sorveglianza sanitaria. Non è accettabile che proprio chi ci protegge debba lavorare in condizioni di scarsa sicurezza. Tante sono le lamentele che arrivano dai luoghi di lavoro per la mancata osservanza delle procedure di contenimento del virus. Se non ci occupiamo di mettere in sicurezza il personale sanitario, mettiamo a rischio la loro salute e anche quella dei cittadini e il servizio di cura”.

 

“Altrettanto indispensabile e urgente – aggiungono – è procedere con nuove assunzioni per implementare il personale e rafforzare i servizi sanitari, anche attraverso la stabilizzazione dei precari”. Infine, “è importante che si rinnovino i contratti, per valorizzare la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori. Non solo una gratificazione nei confronti di chi con spirito di abnegazione sta affrontando la pandemia in condizioni critiche, ma anche prima di tutto un diritto. Una mobilitazione collettiva di lavoratrici e lavoratori pubblici, contro chi nega l’esistenza del virus, dell’emergenza epidemiologica e del rischio che stanno correndo medici, infermieri e tutto il personale sanitario. Per dare il massimo sostegno a chi garantisce la nostra salute”, concludono Fp Cgil Cisl Fp e Uil Fpl.