“Convocare un incontro per analizzare gli impatti della crisi sul territorio, confrontarci sulle azioni condivise da mettere in campo, rafforzare la nostra tenuta e preparare la ripartenza di Modena, più forti e coesi di prima”. Lo chiedono i segretari generali di Cgil Modena Manuela Gozzi, Cisl Emilia Centrale Willi

William Ballotta, segretario generale Cisl Emilia Centrale

am Ballotta e Uil Modena-Reggio Luigi Tollari in una lettera aperta indirizzata al sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e al presidente della Provincia Giandomenico Tomei. “I cittadini modenesi sono sfiduciati e hanno paura per il loro futuro. Ce lo dicono i nostri “sensori” sul territorio: delegati, operatori e attivisti sindacali, nei luoghi di lavoro e nelle nostre sedi – scrivono i segretari dei tre sindacati confederali – L’amore per il nostro territorio e la nostra comunità ci spinge a chiederci se sia possibile affrontare questa crisi senza precedenti con strumenti vecchi. La domanda, evidentemente retorica, ci porta a rispondere che dobbiamo compiere un salto di qualità nel patto di comunità che, con lungimiranza, condividiamo a Modena da anni”. Per Cgil Cisl Uil bisogna mettere al centro il lavoro e la sua qualità come strumento privilegiato che valorizza la persona, rafforzare il sistema di sicurezza e protezione sociale come precondizione per esercitare i diritti di cittadinanza, investire in capitale umano, sociale e materiale, garantire legalità, progettare in sostenibilità. “Solo così – sostengono Gozzi, Ballotta e Tollari – possiamo mantenere Modena tra i territori più attrattivi e sviluppati d’Europa, dove si desidera lavorare, vivere e crescere con la propria famiglia. L’impatto della pandemia sta causando nei cittadini una forte difficoltà a percepire un orizzonte di miglioramento nel futuro. Per questo motivo – concludono i segretari generali di Cgil Modena, Cisl Emilia Centrale e Uil Modena-Reggio nella lettera aperta a Muzzarelli e Tomei – vi chiediamo di convocare al più presto un incontro al massimo livello per analizzare la situazione e studiare le misure necessarie a ripartire”.