Chiedere subito al curatore del fallimento della società Idb di farsi restituire i diamanti, secondo le procedure previste dalla legge, anche se non si è presentato reclamo contro la banca. È il consiglio di Adiconsum (associazione consumatori della Cisl Emilia Centrale), che ha organizzato un incontro pubblico sul fallimento della Intermarket Diamond Business, il principale broker italiano di diamanti. L’iniziativa si terrà lunedì prossimo 4 febbraio a Modena (ore 15.30 – auditorium “Romano Artioli, via Rainusso 56-58); saranno presenti gli avvocati Davide Gollini, Gabriele Prampol

Adele Chiara Cangini, responsabile Adiconsum Cisl Emilia Centrale

ini e Katia Canali, i quali assistono i circa cento consumatori modenesi e reggiani che hanno investito complessivamente 2,6 milioni di euro in diamanti e si sono rivolti ad Adiconsum quando è scoppiato il caso in tutta Italia. «Il fallimento della Idb era una possibilità concreta che alla fine si è verificata, ma alla quale eravamo preparati – afferma la responsabile dell’Adiconsum Emilia Centrale Adele Chiara Cangini – I nostri referenti nazionali sono già in contatto con la curatrice del fallimento nominata dal tribunale di Milano e abbiamo ricevuto rassicurazioni sul fatto che i diamanti non entreranno nel passivo fallimentare, ma saranno restituiti ai legittimi proprietari. È indispensabile, però, che gli interessati si attivino subito in tal senso, anche se non hanno avviato alcun contenzioso con le banche. Sappiamo, infatti, che la quasi totalità dei consumatori assistiti da noi non ha le pietre, nonostante da maggio 2018 sia stato richiesto formalmente a Idb di consegnarle ai proprietari». Intanto prosegue la trattativa tra Adiconsum Emilia Centrale e Banco Bpm per arrivare a una conciliazione. Gli incontri vanno avanti da mesi e si è registrato qualche progresso, senza tuttavia giungere a una soluzione definitiva.