Si è svolto nei giorni scorsi a Milano un incontro tra le associazioni dei consumatori Adiconsum e FederConsumatori e la delegazione di Banco Bpm in relazione alla cosiddetta “questione diamanti”. Il confronto si è svolto all’insegna della massima trasparenza e cortesia, pur nel rispetto delle reciproche posizioni. La banca ha preso atto delle richieste delle associazioni dei consumatori in merito alle iniziative di ristorno dei clienti da loro rappresentati. Adiconsum e FederConsumatori hanno quindi valutato favorevolmente la disponibilità di Banco Bpm a trovare una soluzione positiva per la propria clientela. In tale riunione si è inoltre appreso con soddisfazione che la banca, a partire dal 20 giugno, ha aumentato in modo consistente il numero delle persone dedicate alla gestione dei reclami e all’interlocuzione con i clienti e le stesse associazioni dei consumatori, costituendo una task force ad hoc di circa 150 persone. Banco Bpm si è altresì reso disponibile all’avvio in tempi brevi di un percorso congiunto di valutazione delle posizioni con Adiconsum e FederConsumatori che possa determinare un esito positivo e di reciproca soddisfazione sulla base di criteri e obiettivi condivisi, venendo incontro, fin da subito, alle esigenze di quei soggetti che si trovino in particolare situazioni di criticità. Le parti si sono date l’obiettivo di incontrarsi periodicamente, a partire dal prossimo 2 luglio, per esaminare le posizioni dei propri iscritti.