Le prime bandiere sventolano già da ieri sera, ma domani sarà imbandierato tutto il palazzo. Il vessillo stellato dell’Unione europea verrà appeso domani – giovedì 21 marzo – ai davanzali di gran parte delle finestre del Palazzo Europa, l’edificio di Modena che al civico 101 ospita gli uffici di Cisl, Confcooperative, centro culturale F.L. Ferrari, Fondazione Gorrieri e diverse cooperative. Le organizzazioni di palazzo Europa hanno, infatti, accolto la proposta di Romano Prodi di esporre le bandiere europee nel giorno in cui la Chiesa celebra S. Benedetto da Norcia, patrono d’Europa. Lo stesso Prodi, tra l’altro, verrà a Modena il prossimo 8 aprile. Ospite della “Lettura annuale Ermanno Gorrieri 2019”, l’ex presidente della Commissione Ue terrà una conferenza sul tema “L’Europa al bivio”. Le bandiere resteranno appese fino al 26 maggio, giorno delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo. Palazzo Europa è stato costruito negli anni 1967-69 per iniziativa della società Sias. Nell’operazione vennero coinvolte le organizzazioni espressione dei cattolici democratici modenesi (Cisl, Unione Cooperative e Lapam). Si tratta di una costruzione di tredici piani, alta 36 metri (a quei tempi era il palazzo più alto di Modena), per un totale di 60.350 metri cubi con un fronte lungo circa cento metri. Per far fronte ai costi, venne lanciata anche una sottoscrizione tra i lavoratori, le cooperative e gli artigiani. La costruzione fu terminata a fine 1969 e all’inizio del 1970 il palazzo ospitò le sedi provinciali di Cisl, Unione provinciale Cooperative, Lapam, Sias stessa e del centro culturale Francesco Luigi Ferrari. Vennero, inoltre, aperte varie attività commerciali, tra cui un ristorante self-service e bar. Al primo piano ci sono quattro sale conferenze che ancora oggi sono tra le più utilizzate in città. Attualmente Palazzo Europa ospita circa 7.500 mq di uffici, 700 mq adibiti a sale conferenze, quasi 3 mila mq di aule scolastiche e venti appartamenti per complessivi 1.800 mq. Altri 3 mila mq sono occupati da varie attività commerciali. Si calcola che siano circa un migliaio le persone che ogni giorno frequentano Palazzo Europa, il primo condominio a Modena a dotarsi di un impianto fotovoltaico che produce il 17% dell’energia elettrica consumata ogni anno.