«Le elezioni di ieri sono state una grande vittoria della democrazia, con i cittadini emiliano- romagnoli tornati in massa a decidere il futuro di questa regione». Lo affermano Cgil Cisl Uil Emilia-Romagna commentando la giornata elettorale di ieri. Ha votato il 67,68% degli aventi diritto al voto, 30 punti in più rispetto alla pr

Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna

ecedente consultazione del 2014. «Complimenti al presidente Stefano Bonaccini per il risultato ottenuto, che gli consente di proseguire in questo nuovo secondo mandato le politiche messe in campo nella scorsa legislatura – aggiungono Cgil Cisl Uil – Adesso dobbiamo continuare a percorrere un lavoro già intrapreso in questi ultimi anni, puntando sulla qualità del lavoro e dei servizi. Serve sin da subito una squadra competente, all’altezza delle importanti sfide che ci attendono da qui al 2025, così come è urgente una discussione che porti alla scrittura di un nuovo patto per il lavoro». Cgil Cisl Uil si dicono sono pronte ad aprire il confronto e affrontare questa nuova fase politica, economica e sociale che attende l’Emilia-Romagna.