È promossa da Cgil-Cisl-Uil di Modena la presentazione del libro di Antonio Rinaldis “Esodati” (Imprimatur Editore, 2014), in programma lunedì 8 giugno alle 15 presso la Cgil (piazza Cittadella 36, Modena).

Intervengono l’autore, Monica Dobori (patronato Inca-Cgil di Modena), il parlamentare Pd Davide Baruffi, i segretari provinciali di Cgil-Cisl-Uil Tania Scacchetti, William Ballotta e Luigi Tollari. Antonio Rinaldis è insegnante di Filosofia in un liceo della provincia di Torino e docente a contratto all’Università di Milano. Ha pubblicato diversi saggi e romanzi; in questo suo ultimo libro tratteggia in chiave umanistica la vicenda degli esodati, ovvero di coloro che, espulsi dal mondo del lavoro, si sono trovati anche senza pensione dopo la riforma Fornero La presentazione del libro è promossa insieme ai Comitati esodati di Modena e Reggio Emilia; alcuni esodati saranno presenti all’incontro e parleranno della loro condizione. Le loro sono storie di rabbia, delusione e paura. Sono persone che hanno subito un’ingiustizia e si sono ritrovate nella precarietà e nell’indigenza. Partendo dalla riflessione sulla condizione degli esodati, Cgil-Cisl-Uil vogliono rilanciare le loro proposte per la riforma del sistema previdenziale, a cominciare dalla garanzia dei diritti di chi li aveva maturati prima della riforma Fornero, salvaguardando l’intera platea degli esodati. Per i sindacati è importante anche introdurre forme di flessibilità in uscita senza penalizzazioni, garantire una pensione dignitosa alle giovani generazioni e salvaguardare il potere d’acquisto delle attuali pensioni.