Maserati: Fim, «Modena mantiene produzione, due nuovi modelli entro 2021»

Si allunga la vita produttiva di Gran Turismo e Gran Cabrio, in arrivo due nuovi modelli entro il 2021. Esce, invece, dalla produzione l’Alfa 4 C. Sono le notizie sullo stabilimento Maserati di Modena che giungono da Torino, dove stamattina si è svolto l’atteso incontro dei sindacati con l’ad Fca Global Mike Manley e il responsabile per l’area Emea Pietro Gorlier. «Diversamente da quanto annunciato, prosegue la produzione delle Maserati Gran Turismo e Gran Cabrio, che hanno ancora richieste e saranno adeguate all’evoluzione dei mercati – dichiara il segretario generale della Fim Cisl Emilia Centrale Giorgio Uriti – Oltre che per queste due vetture, Modena sarà il sito di produzione di due nuove supersportive: una Alfa e una Maserati, che sar

Giorgio Uriti, segretario generale Fim Cisl Emilia Centrale

anno sviluppate tra fine 2019 e 2020, per entrare in produzione nel 2021. Almeno una delle due nuove vetture sarà prodotta in versione elettrica. In termini occupazionali – continua Uriti – questo significa che abbiamo davanti mesi non facili per i 221 addetti alla produzione, dal 2 novembre in contratto di solidarietà. Come abbiamo sempre fatto, li accompagneremo cercando di assicurare quanto più lavoro possibile allo stabilimento modenese, nell’ottica della salvaguardia retributiva dei lavoratori, anche attraverso un’equilibrata rotazione e piani di formazione. Come previsto dal contratto di solidarietà, entro fine gennaio incontreremo l’azienda per chiedere notizie più precise su numeri e prospettive dello stabilimento di Modena che, comunque, – sottolinea il segretario dei metalmeccanici Cisl di Modena e Reggio Emilia – mantiene la sua vocazione industriale e produttiva». «Riteniamo importante l’impegno assunto da Fca di portare nuove produzioni specialties e supersportive nello stabilimento modenese – aggiunge Ferdinando Uliano, segretario nazionale Fim Cisl presente all’incontro torinese – L’obiettivo che ci siamo sempre posti è mantenere produzioni a Modena; nell’incontro questo ci è stato assicurato. Dobbiamo gestire il periodo di transizione e sollecitare l’azienda ad accelerare il più possibile la partenza dei due nuovi modelli».

2018-11-29T17:31:39+00:00