Con 96.604 iscritti (2.684 in più rispetto al 2016) è la struttura Cisl più grande dell’Emilia-Romagna e l’ottava in Italia. La Cisl Emilia Centrale, nata il 27 maggio 2015 dall’accorpamento tra la Cisl di Modena e Reggio Emilia (fondate entrambe nel 1950), ha realizzato il suo terzo bilancio di sostenibilità. Contiene tutti i numeri (aggiornati a fine 2017) che fotografano l’organizzazione, comprese le risorse umane ed economiche necessarie per adempiere la missione Cisl: difendere i lavoratori e pensionati, salvaguardare la loro dignità, migliorare le condizioni salariali, normative e professionali, accrescere il benessere materiale e immateriale della comunità. Alla Cisl Emilia Centrale aderisce il 7,85% della popolazione modenese e reggiana (1,2 milioni di abitanti). Più della metà degli iscritti sono lavoratori attivi (53,88%) e donne (52,46% del totale). Tra i lavoratori attivi la maggioranza (52%) è nella fascia di età 30-50 anni, mentre gli under 30 sono il 6%; è straniero oltre un quarto (27%) degli iscritti tra gli attivi. La Cisl, che ha 49 sedi (due provinciali, undici zonali e 36 comunali), è suddivisa in 19 categorie e sei servizi. Il consiglio generale ha 109 componenti (27 donne e 82 uomini), mentre il comitato esecutivo (l’organo competente per attuare gli indirizzi del consiglio generale) è composto da sei donne e 27 uomini. La segreteria confederale è formata da due donne e tre uomini: sul sito www.cislemiliacentrale.it è visionabile il quadro C del modello 730 (redditi da lavoro dipendente e assimilati) di ciascun segretario, così come il codice etico e comportamentale che devono osservare tutti i dirigenti, operatori, delegati e associati Cisl. Sono 107 le persone (il 43% donne) che lavorano a tempo indeterminato per la Cisl Emilia Centrale; a esse si aggiungono 129 collaboratori. Il 62% dei dipendenti Cisl ha un’età compresa tra i 30 e 50 anni. Il valore complessivo dei contributi sindacali incassati nel 2017 ammonta a 6,6 milioni di euro (350 mila euro in più rispetto al 2016 grazie all’aumento degli iscritti), una parte dei quali va alla Cisl nazionale e regionale. Il 59% delle risorse che rimangono sul territorio viene speso per il personale, il 24% per la gestione delle sedi e l’acquisto di beni strumentali, l’8% in manifestazioni e altre iniziative pubbliche. La Cisl Emilia Centrale, socia di Banca Etica, ha partecipazioni in società, come le due immobiliari proprietarie delle sedi e il cui patrimonio complessivo supera i 12,5 milioni di euro.