Ospedale Sassuolo, elezioni rsu: appello al voto di Davide Battini, segretario generale Cisl Fp

Davide Battini, segretario generale Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale

Si aprono la settimana prossima all’ospedale di Sassuolo le urne per eleggere le rsu (rappresentanze sindacali unitarie). I 541 aventi diritto possono votare presso la sala sindacale al primo piano dell’ospedale vicino alla lungodegenza da martedì 12 a giovedì 14 aprile nelle fasce orarie 6.30-8, 12-16 e 19.30-20.30. «Sono tanti i temi che attendono di essere affrontati – dichiara Davide Battini, neoeletto segretario generale della Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale – Le sfide riguardano principalmente le condizioni di lavoro (orari, mobbing, ferie, trattamenti economici e incentivi) che vedono anche disparità di trattamento tra i dipendenti comandati dall’Ausl di Modena e quelli assunti direttamente dall’ospedale e, quindi, privati». La Cisl si presenta con otto candidati che rappresentano tutte le professioni sanitarie e amministrative dell’ospedale. «Per i lavoratori dell’ospedale di Sassuolo vogliamo innanzitutto risultati concreti, sia economici che di condizioni di lavoro – spiega Battini – Sono fondamentali anche la trasparenza e qualità del servizio agli utenti, che si ottiene solo attraverso una corretta organizzazione del lavoro fatta di turni, reperibilità e compiti ben definiti, rispettosi dei lavoratori e del confronto con i sindacati». Come solita fare alla vigilia di competizioni elettorali, la Cisl Fp lancia un appello a favore della partecipazione, ricordando che il voto è una grande espressione di democrazia. «Ancor prima del risultato, nel voto per le nuove rsu dell’ospedale di Sassuolo è la partecipazione che ci interessa – sottolinea Battini – Non vogliamo tornare sugli eventi che un anno fa hanno determinato il mancato raggiungimento del quorum, ma vogliamo ribadire con forza che i dipendenti dell’ospedale di Sassuolo non possono essere considerati “figli di un dio minore” per la natura particolare del presidio ospedaliero». Ricordiamo che l’Ospedale di Sassuolo è una società mista pubblico-privata: l’Azienda Usl di Modena detiene il 51 per cento delle azioni, mentre il restante 49 per cento appartiene ad Atrikè, una società privata.