Roberto Pezzani è il nuovo responsabile dei Pensionati Cisl (Fnp) dell’Emilia-Romagna. Lo ha eletto (in modalità online) il Consiglio generale regionale della Fnp, presente il segretario generale nazionale della Fnp Cisl Piero Ragazzini. 

Pezzani subentra a Loris Cavalletti, che assumerà un incarico nazionale nel campo del volontariato. Nato a Parma 65 anni fa, Pezzani qui consegue il diploma di geometra.
Tecnico di radiologia presso l’ospedale di Parma, si iscrive alla Cisl nel 1981 e subito inizia ad occuparsi di sindacato quale delegato Cisl nel settore Sanità. Nell’89 è eletto segretario aziendale Cisl presso l’Ausl di Parma e dal 1990 al 1997 è segretario provinciale del sindacato Sanità Cisl (Fisos) e poi responsabile provinciale della Fist (Federazione che accorpa Sanità ed Autonomie locali).
A tempo pieno in Cisl nel 1996, passa al livello regionale del sindacato di categoria e nel 2001 entra in segreteria come segretario organizzativo della Funzione Pubblica (FP) con delega alla Sanità.
Nel 2008 è eletto segretario generale della Funzione Pubblica (FP) Cisl dell’Emilia-Romagna, funzione che espleta sino al pensionamento, quando aderisce alla Fnp.

Nella sua prima affermazione ‘a caldo’, il neo responsabile emiliano-romagnolo dei Pensionati Cisl non ha dubbi: “Dobbiamo vaccinarci tutti e subito, a cominciare dagli anziani, la fascia della popolazione più a rischio di contrarre il Covid”. Pertanto, “vaccino, vaccino, vaccino”, è l’appello di Pezzani: alle istituzioni perché velocemente procurino le forniture dei vaccini necessari per fronteggiare l’epidemia ed agli anziani perché aderiscano al piano vaccinale”.
Accanto, il leader regionale della Fnp esorta a “predisporre un iter che traguardi alla liberalizzazione dei brevetti per la produzione dei vaccini, così da rendere progressivamente autonomo il nostro Paese, prima nella produzione e poi nella successiva distribuzione del vaccino”.
“Oggi – ribadisce con forza Pezzani – il vaccino è l’unica proposta seria, scientifica, per uscire dalla pandemia. Il vaccino sconfigge il Covid. Se non ci vacciniamo la ricaduta negativa è su tutto: economia, lavoro, salute, qualità della vita. E gli anziani sono i più colpiti”.   
A chiusura del tesseramento 2020, la Fnp conta 133.540 associati in Emilia-Romagna, di cui le donne rappresentano il 57% degli iscritti.