I pensionati della Cisl ricordano Giorgio Lotti: “Riscoprì nei viaggi il valore del tempo”

 

La Fnp Cisl Emilia Centrale ricorda Giorgio Lotti, sindacalista e persona dal cuore grande. Rimasto vedovo, viveva alla Canalina e da qualche tempo, con l’avanzare dell’età, si era ritirato in casa amorevolmente accudito da una famiglia composta da persone che, semplicisticamente, sono chiamati “extracomunitari”, “ma che noi del sindacato preferiamo semplicemente chiamare, appunto, famiglia”.

Giorgio Lotti si è spento, a 91 anni, al termine d’una vita spesa nel lavoro e nell’impegno sindacale.  Resta il ricordo della sua simpatia e della  giovialità che stavano alla base dei suoi rapporti  con il mondo dei pensionati. Dopo la vita lavorativa presso una nota ditta reggiana produttrice di impianti per l’enologia, da pensionato, era entrato nel sindacato della Fnp Cisl dove ricoprì l’incarico di membro della segreteria territoriale negli anni Ottanta e Novanta. Collaborava con il segretario dell’epoca, Idilio Bonacini, nella sede di Via Campo Marzio in centro storico. Coincidenze, queste, che ci rimandano ai tempi in cui nascevano, in casa Fnp, le preziosissime e attuali leghe comunali dei pensionati.

Giorgio era persona molto attiva e generosa, che si impegnò nell’organizzazione del tempo libero degli iscritti Cisl. Per questo molti ricorderanno le sue numerose e riuscite iniziative nello specifico settore – patrocinate da Etsi – con i soggiorni all’isola di Vulcano, in Calabria, oltre a partecipate settimane bianche. Viaggi, che consentivano a tanti amici di ritrovarsi e di trascorrere momenti di sana allegria e di buona amicizia, nell’ambito di una strategia che stava muovendo i suoi primi passi.

“Lo ricorderemo – spiegano dalla segreteria Fnp Cisl Emilia Centrale – con simpatia, ringraziandolo per l’impegno profuso a favore di tanti. Al figlio e ai familiari le nostre vivissime condoglianze”. I suoi funerali si sono svolti martedì scorso alla Chiesa di San Pellegrino.

2018-03-02T15:17:40+00:00