IMG-20160506-WA005

Volantinaggio dei sindacati davanti all’ospedale di Sassuolo

Giornata di mobilitazione e volantinaggio davanti a tutti gli ospedali della provincia di Modena oggi – venerdì 6 maggio. Le organizzazioni sindacali della sanità Fp Cgil, Cisl Funzione pubblica e Uil Fpl hanno spiegato le ragioni dello sciopero regionale del pubblico impiego indetto per il 24 maggio. Oltre alla sanità pubblica, a incrociare le braccia saranno l’intero pubblico impiego, la sanità privata e il terzo settore (compresa la cooperazione sociale). Ci sarà anche una manifestazione sotto la sede della Regione Emilia-Romagna a Bologna. «La situazione che si vive nella sanità pubblica è molto preoccupante – affermano i sindacati – Come il resto dei dipendenti pubblici, i lavoratori di questo settore scontano un blocco della contrattazione nazionale che dura ormai da sette anni, con il governo che continua a dimostrarsi sordo alle richieste di rinnovo contrattuale, nonostante una sentenza della Corte costituzionale dichiari l’illegittimità del blocco. Il mancato rinnovo del contratto nazionale vuol dire sempre meno risorse per il riconoscimento del lavoro svolto, vuol dire meno diritti e, in ultima istanza, vuol dire rischiare di colpire al cuore la qualità del servizio offerto agli utenti». Fp Cgil, Cisl Funzione pubblica e Uil Fpl aggiungono che il sostanziale blocco delle assunzioni e turn-over sta mettendo in discussione anche a livello regionale la tenuta stessa del servizio sanitario, che grava sempre di più sul senso di responsabilità e sulla professionalità che i lavoratori del comparto di Modena e dell’Emilia-Romagna continuano a dimostrare. Per questo le organizzazioni sindacali chiedono a gran voce che la Regione Emilia-Romagna spinga verso politiche di assunzione e di miglioramento della qualità organizzativa del lavoro, oltre a un controllo più capillare degli appalti per la tutela di chi ci lavora.