Santa Maria Nuova approvata dalle Rsu la piattaforma per la contrattazione decentrata

Nella giornata dell’8 gennaio, presso le aule della formazione del presidio ospedaliero Santa Maria Nuova, con la partecipazione delle segreterie provinciali di Cgil Cisl e Uil di categoria, è stata approvata a larghissima maggioranza dai rappresentanti sindacali dei lavoratori da poco eletti nelle Rsu, la piattaforma per la contrattazione decentrata aziendale in applicazione del Cccnl 2016/2018 del comparto sanità del 21 maggio 2018.

Con questa piattaforma ci si prefigge di avviare una nuova stagione della contrattazione aziendale in grado di dare risposte concrete, soluzioni ai numerosi problemi che, in una azienda di grandi dimensioni e complessità come l’Ausl/Ircss di Reggio Emilia, si riscontrano quotidianamente tra i dipendenti ai quali si chiede di garantire ai cittadini, ogni giorno di più, servizi di qualità all’altezza dei bisogni crescenti in una sanità che cambia.

Per i rappresentanti dei lavoratori, le Rsu appunto, e per le organizzazioni sindacali, questa piattaforma dovrà rappresentare un punto di partenza: per dare centralità, dignità e continuità alla contrattazione nei luoghi di lavoro in una realtà, come quella della sanità pubblica reggiana, sottoposta mai come in questi ultimi anni a continui mutamenti sul versante dell’innovazione e dell’organizzazione del lavoro, anche a seguito della fusione delle due aziende sanitarie reggiane.

I contenuti di questa piattaforma saranno le linee guida del nostro “piano di lavoro” per i prossimi anni, per affrontare le numerose sfide che ci attendono a partire dal rafforzamento del ruolo di rappresentanza in un rapporto più stretto con le lavoratrici e con i lavoratori che operano nella nostra azienda grazie al loro consenso.

I temi contenuti nel documento, oltre a recepire le novità introdotte dal nuovo contratto nazionale, puntano a migliorare le condizioni per i dipendenti sviluppando attraverso il confronto aspetti inerenti l’organizzazione del lavoro, la conciliazione dei tempi vita e lavoro, l’orario di lavoro, l’occupazione stabile, il riconoscimento e i progetti di sviluppo professionale, il welfare integrativo, il benessere organizzativo e la formazione. E, non di meno importanza, anche la parte economica (progressioni, incarichi e revisione del sistema incentivante).

Ai lavoratori presenti alle assemblee verrà illustrata la piattaforma e, una volta ottenuto il mandato, verrà inviata all’azienda per procedere con l’avvio del confronto che, ci auguriamo tutti, porti benefici ai dipendenti dell’Ausl.

Dopo tanti anni di blocco contrattuale è interesse dei lavoratori partecipare in modo massiccio alle assemblee che si svolgeranno nel mese di gennaio.

Quello sarà il luogo dove i dipendenti potranno condividere i contenuti della piattaforma e apportare eventuali suggerimenti per conferire a Rsu e sindacati un forte mandato utile per l’apertura del confronto con l’Azienda e il suo sviluppo fino a una positiva conclusione.

 

Cisl Fp, Gennaro Ferrara

Fp Cgil Reggio Emilia, Maurizio Frigeri

Uil Fpl, Mauro Chiarini

2019-01-11T06:19:11+00:00