Arriva a Modena lo sciopero della fame a staffetta promosso dai sindacati per protestare contro la riforma della scuola. Dopo Bologna e Ferrara, l’originale forma di protesta ideata da Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals, Gilda e Rete degli Studenti fa tappa in piazza Mazzini;

si comincia alle 16 di oggi – mercoledì 17 giugno -, in concomitanza con l’assemblea unitaria in programma al Pantheon a Roma e intitolata “Facciamo l’esame al ddl scuola insieme ai senatori”. Lo sciopero della fame prosegue per tutta la giornata di domani – giovedì 18 giugno; alle 11 avverrà il passaggio di consegne tra Ferrara e Modena del libro rosso, testimone simbolico che raccoglie il dissenso, ma anche le proposte sulla riforma della scuola. In queste due giornate, oltre allo sciopero della fame, i sindacati distribuiscono volantini che spiegano le ragioni della protesta che da due mesi vede impegnate tutte le componenti della scuola contro la riforma portata avanti dal governo Renzi.