Si è svolto stamattina l’incontro tra i sindacati di scuola-università di Cgil Cisl Uil e i consiglieri regionali Giuseppe Boschini, Enrico Campedelli e Luca Sabattini del Pd sull’autonomia differenziata nei sistemi di istruzione. Erano stati invitati tutti i consiglieri regionali eletti a Modena, ma hanno aderito solo in tre, oltre a Luciana Serri che incontrerà i sindacati nei prossimi giorni. I sindacalisti Claudio Riso (Flc Cgil Modena), Antonietta Cozzo (Cisl Scuola Emi

L’incontro di stamattina a Modena tra sindacati della scuola e consiglieri regionali su autonomia differenziata istruzione

lia Centrale) e Liviana Cassanelli (Uil Scuola Rua Modena) hanno ribadito le loro preoccupazioni sulle ipotesi di “regionalizzazione” di scuola e università cui stanno lavorando le Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. I sindacalisti hanno sottolineato come su questo tema ci sia stata e continui a esserci mancanza di confronto con le parti sociali; in particolare hanno lamentato la scarsa conoscenza della bozza di intesa governo-Regione Emilia Romagna. «Altrettanto preoccupante sul piano nazionale è la completa assenza del coinvolgimento del Parlamento su queste intese che le tre Regioni stanno portando avanti con il governo – hanno dichiarato Riso, Cozzo e Cassanelli – Il confronto di stamattina è stato utile e ricco di contenuti, e, pur nella differenza di posizione, ci sono punti in comune, a partire dal riconoscimento che è necessario definire a livello nazionale i LEP (livelli essenziali delle prestazioni) che servono a garantire pari diritti di istruzione a tutti, indipendentemente dalla regione di appartenenza». I consiglieri regionali hanno sottolineato che l’ipotesi su cui sta lavorando la Regione Emilia-Romagna riguarda quattro punti: l’organico “di fatto”, l’edilizia scolastica, l’istruzione e formazione professionale, le modalità di finanziamento, sottolineando come non si chiedano fondi aggiuntivi rispetto alla spesa storica assegnata a livello nazionale, ma essenzialmente un’autonomia di programmazione e gestione delle risorse. Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola Rua ritengono che, se da un lato può essere utile e più razionale declinare a livello territoriale la programmazione dell’edilizia scolastica e la formazione professionale, dall’altro èa imprescindibile una cornice ordinamentale che è e deve rimanere nazionale. «Ogni ipotesi di regionalizzazione porta di fatto a una diversificazione e divaricazione dell’offerta di istruzione e del diritto allo studio, creando di conseguenza disparità tra le regioni più ricche e quelle più povere – dicono i sindacati – Riteniamo che scuola e università non possano prescindere da un governo e da una gestione nazionale che deve garantire a tutti pari condizioni e livelli di qualità. Veniamo già da molti anni in cui la scuola, le università e la ricerca sono sottofinanziate, con ripercussioni sulla didattica e sul diritto allo studio. Le differenze territoriali rischierebbero di diversificare ulteriormente l’offerta formativa, con conseguenze anche sullo sviluppo dei territori. Per questi motivi, rimangono tutte le nostre ragioni di contrarietà verso un modello, seppur “soft”, di autonomia scolastica come quello emiliano-romagnolo, che finirebbe comunque per inserirsi in un contesto più generale di parcellizzazione e impoverimento dell’istruzione pubblica. Tutto ciò è reso ancora più preoccupante dalla mancanza di un confronto nazionale e di un coinvolgimento delle parti sociali rispetto a queste richieste di autonomia, che rischiano di trasformarsi in una secessione dell’istruzione, ipotesi contro la quale – hanno concluso Claudio Riso (Flc Cgil Modena), Antonietta Cozzo (Cisl Scuola Emilia Centrale) e Liviana Cassanelli (Uil Scuola Rua Modena) – continueremo a mobilitarci a tutti i livelli».