Anche Flc Cgil Modena, Cisl Scuola Emilia Centrale, Uil Scuola Rua Modena e Gilda Unams di Modena aderiscono alla manifestazione “Friday for future”, in programma domani – venerdì 24 maggio – in città (ritrovo alle 9 in piazza S. Agostino). In contemporanea con altre iniziative analoghe previste in tutta Italia, i sindacati saranno in piazza con gli studenti modenesi con striscioni e cartelli sul diritto alla libertà di insegnamento. «Nella giornata in cui anche a Modena ragazzi e studenti si mobilitano per ricordare a tutti che non c’è più tempo da perdere nell’agire per la salvaguardia del nostro pianeta e dei nostri territori, i lavoratori dell’istruzione, scuola, conoscenza e formazione, che con le generazioni più giovani hanno un rapporto privilegiato, sostengono questa iniziativa – dichiarano Flc Cgil Modena, Cisl Scuola Emilia Centrale, Uil Scuola Rua Modena, Gilda Unams Modena – Saremo presenti in piazza domani – venerdì 24 maggio – anche per rivendicare un ulteriore diritto: quello della libertà di insegnamento, che è un bene fondamentale e indispensabile in ogni società democratica. È una prerogativa che la nostra Costituzione affida alle scuole e ai docenti. La sospensione della professoressa di Palermo Dall’Aria mette seriamente in discussione questa prerogativa ed è il sintomo di una pericolosa tendenza della politica a invadere e condizionare gli spazi in cui si esercitano l’azione didattica e l’autonomia delle istituzioni scolastiche. Spirito critico, capacità di analisi e di lettura dei fatti del mondo: sono gli obiettivi che gli studenti dovrebbero raggiungere nel loro percorso di studi per l’esercizio di una cittadinanza attiva e che ogni lavoratore della scuola è impegnato a garantire».