Si è parlato degli attacchi No vax alle sedi sindacali e della crisi economica causata da pandemia e guerra russo-ucraina nell’incontro che Cgil Cisl Uil hanno avuto con il prefetto di Modena Alessandra Camporota e il questore Silvia Burdese.

«È stato un incontro positivo che conferma la costante interlocuzione e sinergia tra parti sociali e istituzioni che da sempre contraddistingue il nostro territorio – dichiarano Daniela Bondi (segreteria Cgil Modena), Rosamaria Papaleo (segretaria generale Cisl Emilia Centrale) e

La sede della prefettura di Modena

Luigi Tollari (segretario generale Uil di Modena e Reggio) –
Noi siamo preoccupati per la situazione, che peraltro non riguarda solo Modena, che sta colpendo le nostre comunità, già indebolite dal Covid. Lavoratori e pensionati sono in difficoltà per l’impennata dell’inflazione e le conseguenze delle tensioni geopolitiche.

Le nostre sedi e social network hanno subito attacchi: per questo abbiamo auspicato che l’attività di indagine porti rapidamente a individuare i responsabili.

Sia il prefetto che il questore riconoscono la rappresentatività delle nostre organizzazioni, frutto della nostra capacità di ascolto e vicinanza ai lavoratori e cittadini modenesi.
Inoltre – continuano Bondi, Papaleo e Tollari – apprezzano l’importanza dei protocolli anti Covid adottati nei luoghi di lavoro e la nostra piena adesione alla campagna di vaccinazione.

Con prefetto e questore abbiamo reciprocamente confermato la totale disponibilità a proseguire la collaborazione, anche attraverso tavoli e osservatori sul territorio.

Abbiamo ribadito l’impegno, ognuno per le proprie competenze e responsabilità, a contrastare l’illegalità e garantire la pubblica sicurezza, ancora più necessario in una fase di forte incertezza come quello che stiamo vivendo», concludono Daniela Bondi (segreteria Cgil Modena), Rosamaria Papaleo (segretaria generale Cisl Emilia Centrale) e Luigi Tollari (segretario generale Uil di Modena e Reggio).