“Segnali molto preoccupanti che devono mettere in allarme tutta la città”. Con queste parole Domenico Chiatto, segretario Cisl Emilia Centrale, commenta i recenti episodi di colpi d’arma da fuoco esplosi contro due note pizzerie della provincia di Reggio Emilia: la Perla di Cadelbosco e il Piedigrotta 3, in via Emilia Ospizio.

“Questi fatti – continua il segretario – sono episodi ‘sentinella’ che non devono essere sottovalutati dalle forze politiche e istituzionali, dalla polizia e dalla magistratura. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che l’escalation della presenza e della crescita della criminalità organizzata nei nostri territori è partita con episodi simili e che hanno spesso visto l’uso di armi da fuoco. Diamo solo colpa all’immigrazione, ma è l’illegalità il vero problema per la sicurezza dei cittadini”.

Anche la società civile – conclude Chiatto –  deve tenere alta l’attenzione e proseguire con la diffusione della cultura della legalità. Non possiamo arretrare di un passo. Questi episodi confermano la spregiudicatezza di malavitosi che sono stati capaci di inserirsi in un tessuto sano, ma suo tempo completamente impreparato per contrastarli. Il processo contro la mafia Aemilia deve ricordarcelo ogni giorno e, proprio per questo motivo, oggi dovremmo avere maggiori elementi di analisi e contromisure”.