Stop al contenzioso tra i lavoratori di Seta e l’azienda del trasporto pubblico locale. I lavoratori possono conciliare le sanzioni disciplinari inflitte loro negli anni 2017 e 2018 per essersi rifiutati, anche se comandati, di svolgere ore di straordinario non programmate. La pace tra Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Faisa, Ugl Emilia-Romagna e Seta è stata raggiunta grazie all’accordo sottoscritto nella serata di ieri – martedì 25 giugno -. L’intesa pone fine a una vertenza che ha toccato momenti di tensione sul territorio di Modena e conclude anche una vertenza regionale promossa dai sindacati nei confronti della proprietà e della Regione Emilia-Romagna. «L’accordo rende giustizia a tutti i lavoratori coinvolti che, assistiti da noi, avevano fin da subito intrapreso azioni di lotta con scioperi e cause legali – affermano Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Faisa, Ugl Emilia-Romagna – Oggi un lavoratore Seta ha la possibilità di conciliare quelle sanzioni e chiudere un contenzioso durato per troppo tempo». Sempre ieri sera, a margine dell’accordo sui provvedimenti disciplinari, sindacati e azienda hanno sottoscritto un regolamento sui permessi e turni che consente di usufruire dell’astensione per l’allattamento rendendo più agevole per i lavoratori interessati la conciliazione tra i tempi di lavoro e quelli di assistenza ai propri figli. «Consideriamo questi due accordi come l’inizio di un nuovo clima delle relazioni industriali – commentano Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Faisa, Ugl Emilia-Romagna – Essi rappresentano due punti non di arrivo ma di partenza per affrontare con serietà e impegno tutte le problematiche ancora in discussione con l’azienda, a partire dal salario dei nuovi assunti». Gli accordi saranno illustrati ai lavoratori in un’assemblea che sarà programmata a breve.