MAURIZIO BRIGHENTI_3

Maurizio Brighenti, responsabile Cisl Emilia Centrale zona di Castelfranco

Cgil e Cisl della zona di Castelfranco Emilia valutano positivamente l’allargamento dell’Unione del Sorbara da quattro a sei Comuni. Attualmente fanno parte dell’Unione solo quattro Comuni (Bomporto, Bastiglia, Ravarino e Nonantola); entro l’estate entreranno Castelfranco e San Cesario. Inizialmente è prevista la gestione associata di ced (centro informatico), suap (sportello unico degli appalti), protezione civile e polizia municipale. Cgil e Cisl auspicano che in tempi rapidi, cioè a partire dal prossimo anno, si possa arrivare ad accorpare anche gli altri servizi, in particolare quelli sociali. L’altra sera i sei sindaci interessati hanno incontrato i sindacati di zona di Cgil e Cisl, i sindacati pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Cupla, Lapam, Confesercenti e Cna, sullo stato di avanzamento dell’Unione del Sorbara. I sindaci hanno dichiarato che a giugno faranno votare l’allargamento a tutti i consigli comunali, i quali eleggeranno successivamente i 28 consiglieri della nuova Unione del Sorbara. Questo processo di unificazione è una richiesta più volte sollecitata dai sindacati in un’ottica di efficientamento dei servizi e razionalizzazione dei costi. Cgil e Cisl sottolineano l’importanza di dare periodicamente informazione alla cittadinanza sugli sviluppi dell’Unione e valutano positivamente le assemblee cittadine che, su iniziativa dei sindaci, si stanno svolgendo in questi giorni nei vari Comuni. Per i sindacati confederali e dei pensionati il prossimo appuntamento è la verifica dopo l’estate sullo stato di avanzamento della riorganizzazione amministrativa.