Pieno appoggio di Cisl e Uil alle iniziative annunciate da Confindustria, Cna e Lapam per sostenere la campagna vaccinale. «Abbiamo già comunicato la nostra completa disponibilità a collaborare con le imprese per favorire il maggior numero possibile di vaccinazioni tra i lavoratori – dichiarano i segretari generali di Cisl Emilia Centrale William Ballotta e Uil di Modena e Reggio Luigi Tollari – Poiché la priorità è vaccinare tutta la popolazione, crediamo che anche le

William Ballotta, segretario generale Cisl Emilia Centrale

parti sociali possano offrire un contributo concreto a raggiungere il prima possibile l’obiettivo della cosiddetta immunità di gregge». Cisl e Uil ricordano che di coronavirus si può morire anche sul lavoro. Sono state 1.091 (di cui sei mortali) le denunce di infortunio da Covid-19 pervenute all’Inail di Modena tra il 1° gennaio e il 30 novembre 2020. Gli eventi hanno interessato 795 donne e 296 uomini; la maggior parte (429) è di età compresa tra 35 e 49 anni. Le professioni più colpite sono infermieri e operatori socio-sanitari. In Emilia-Romagna, dove nello stesso periodo sono state presentate 8.044 denunce per infortunio (34 mortali), Modena è al terzo posto dopo Bologna (1.920 casi) e Reggio Emilia (1.196 casi). «Quest’ultimo anno ci ha fatto capire che in certi momenti bisogna accettare di essere tutti uguali e prendere coscienza che, come ci ricorda ripetutamente papa Francesco, “siamo tutti sulla stessa barca”. Solo partendo da ciò – concludono Ballotta e Tollari – può crescere il nostro senso di comunità e riconoscere che la vaccinazione è non solo utile, ma doverosa».