Prosegue a Vignola il confronto sull’attivazione di una linea di trasporto pubblico che colleghi i quartieri periferici al centro storico. Nei giorni scorsi si è tenuto il terzo incontro sul tema tra il sindaco di Vignola Simone Pelloni e i sindacati dei pensionati Spi Cgil e Fnp Cisl, che hanno presentato un progetto proponendo, in via sperimentale per un anno, un autobus a 19 posti per collegare le zone periferiche al centro. «Negli ultimi anni la città di Vignola, che conta 25.521 abitanti, ha registrato un aumento dell’età anagrafica della popolazione – spiegano Gisella Fidelio (Spi Cgil Vignola) e Vincenzo Vandelli (Fnp Cisl Vignola) – Nel 2019 risultano 144,6 anziani ogni 100 giovani. Ciò significa che la popolazione invecchia progressivamente. Vivere più a lungo è senz’altro positivo, ma le persone anziane hanno anche esigenze sempre maggiori di accesso ai servizi sanitari, amministrativi, commerciali ecc. Devono potersi muoversi quotidianamente e in modo autonomo. Considerando che il centro di Vignola è congestionato dal traffico ed è sempre più difficile parcheggiare, perché tutti si muovono in auto, occorre pensare con urgenza a un sistema di mobilità sostenibile come inizio di un modo nuovo di vivere nella città». Da parte sua il sindaco ha rispolverato un progetto del 2016 di riammodernamento della stazione ferroviaria (200 posti parcheggio, esercizi commerciali, ecc.) da finanziare con risorse private; inoltre ha presentato il progetto di aMo (Agenzia per la mobilità e il trasporto pubblico locale) sull’integrazione del trasporto ferro-gomma facendo passare le linee extraurbane (che attualmente non toccano il centro di Vignola) verso la stazione ferroviaria. «Registriamo positivamente il fatto che la nostra proposta, avanzata in primavera, stia sollecitando interventi di carattere generale sul servizio del trasporto extraurbano e urbano – dicono i pensionati di Cgil e Cisl – Auspichiamo che si trovino i finanziamenti per realizzare a breve i progetti, a partire dall’autobus di collegamento tra centro e quartieri, come da noi suggerito». A questo fine, i sindacati hanno chiesto al sindaco di Vignola di arrivare alla firma di un pre-accordo entro la fine dell’anno.