Tutela del lavoro e delle comunità: patto tra Confcooperative, Comuni e sindacati confederali reggiani

Fronte comune tra Confcooperative, Anci e sindacati confederali per sostenere i lavoratori delle aziende in crisi o destinate ad estinguersi per mancanza di continuità generazionale.
La centrale cooperativa, l’Associazione Nazionale dei Comuni italiani di Reggio Emilia e Cgil, Cisl e Uil territoriali hanno infatti siglato un protocollo d’intesa per la promozione congiunta di progetti di start up cooperativo e, in specifico, della formula dei workers buyout, le cooperative costituite da dipendenti che vanno a rilevare le attività delle aziende in difficoltà, salvaguardando in questo modo il lavoro e la continuità di aziende altrimenti destinate alla chiusura.
Tutto questo – si sottolinea nel protocollo – avendo a cuore non solo la salvaguardia dell’occupazione, ma anche a contrasto della marginalità economica che investe i territori e le comunità locali a fronte di crisi aziendali, a salvaguardia dei patrimoni economici, sociali e culturali che ruotano attorno alle imprese e a garanzia del rispetto dei contratti di lavoro nazionali sottoscritti con i sindacati confederali.
Nel “patto” siglato tra Confcooperative, Anci, Cgil, Cisl e Uil confluiscono, dunque, obiettivi che hanno a che fare in modo diretto con l’identità e la missione specifica delle forze in campo: dall’interesse generale delle comunità – spiega il testo dell’accordo – alla promozione di politiche attive per il lavoro, alla rappresentanza e  promozione cooperativa, alla regolarità e tutela del lavoro, ad un nuovo e rilevante ruolo dei lavoratori nella proprietà e nella gestione dei mezzi di produzione attraverso la formula cooperativa.
L’intesa – siglata da Matteo Caramaschi, presidente di Confcooperative, Emanuele Cavallaro, coordinatore dell’Anci di Reggio Emilia, da Khedidja Sayah, Rosamaria Papaleo e Carmine Bovienzo per Cgil, Cisl e Uil – impegna i sottoscrittori nella comune promozione, nascita e accompagnamento delle imprese nate da aziende in crisi, nell’avvio di iniziative per la formazione professionale dei lavoratori coinvolti da processi di workers buyout per rafforzarne le competenze imprenditoriali, manageriali, tecniche e valoriali e, prima ancora, nella diffusione della conoscenza di uno strumento che in Emilia-Romagna ha già consentito la rigenerazione di 56 imprese (8 delle quali a Reggio Emilia) grazie alla costituzione di cooperative tra lavoratori.
Più in specifico, Anci e sindacati confederali saranno i primi ad individuare, selezionare e segnalare le difficoltà e le crisi aziendali presenti nel territorio e compatibili con i percorsi dei workers buyout, mentre Confcooperative – dopo la comune verifica della fattibilità e sostenibilità dei progetti di rigenerazione, per le quali la centrale cooperativa metterà a disposizione i propri servizi e strumenti di analisi – accompagnerà tutte le fasi realizzative dei progetti, impegnandosi inoltre ad attivare gli strumenti finanziari (con particolare riferimento a quelli propri del sistema cooperativo) necessari al sostegno economico finanziario dei nuovi piani industriali, partendo dal tema della patrimonializzazione della cooperativa tra lavoratori.
“Insieme agli obiettivi più stringenti sul piano del lavoro e della continuità delle imprese –  sottolineano i sottoscrittori del protocollo – questo accordo rappresenta una delle risposte necessarie ad una crisi che ha ulteriormente evidenziato la centralità di tanti valori che vanno oltre il Pil, a partire da una più equa distribuzione della ricchezza, ad una diversa divisione del lavoro, al grado di sostenibilità sociale ed ambientale della crescita, alla valorizzazione delle risorse umane”.
Il protocollo sancisce anche l’avvio immediato di una “cabina di regia”, coordinata da Confcooperative, per l’attuazione di un raccordo sistematico e stabile delle azioni intraprese dai protagonisti dell’accordo.

Tutela del lavoro e delle comunità: patto tra Confcooperative, Comuni e sindacati confederali reggiani2019-05-20T16:04:40+00:00

Contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro. Il seminario per delegati e delegate di Cgil Cisl Uil

Si è tenuta venerdì scorso, presso l’auditorium Cisl di via Turri, l’iniziativa di formazione per delegati e delegate sindacali, organizzata unitariamente da Cgil Cisl Uil, sul delicato tema delle molestie e violenze nei luoghi di lavoro.

 

Il seminario, molto partecipato, cui ha partecipato anche Francesca Bonomo, una delle due consigliere di parità della provincia, aveva l’intento di accendere i riflettori sul problema delle molestie e violenze che avvengono ancora troppo frequentemente nei luoghi di lavoro, ma soprattutto aveva lo scopo di individuare strumenti ed azioni concrete per contrastare tali comportamenti o, meglio ancora, prevenirli.

 

Durante il pomeriggio Francesca Bonomo ha inquadrato l’argomento dal punto di vista normativo, definendo il concetto di “molestia”, delle azioni di tutela che può intraprendere chi ne è vittima e del ruolo specifico che può svolgere la consigliera di parità, anche in sinergia con le Organizzazioni sindacali.

Elvira Meglioli e Rosamaria Papaleo, rispettivamente Cgil e Cisl, hanno approfondito i contenuti  inseriti negli “accordi  antimolestie” sottoscritti dalle Organizzazioni sindacali con le Associazioni datoriali del territorio che, avendo come caposaldo l’Accordo quadro europeo del 2007, ribadiscono l’inammissibilità di ogni atto o comportamento che si configuri come molestie e violenze nei luoghi di lavoro.

 

L’obiettivo dell’iniziativa era informare e sensibilizzare i rappresentanti delle lavoratrici e dei lavoratori nei posti di lavoro, fornendo loro  esempi di buone prassi per dare concretezza ai principi sanciti da leggi e protocolli. Fondamentale è infatti il ruolo che i delegati e le delegate sindacali  possono giocare attraverso  la contrattazione aziendale, sede in cui si possono concordare con l’azienda azioni precise per prevenire/contrastare molestie e discriminazioni che, come confermato dalle loro testimonianze dirette, si registrano in diverse realtà a prescindere dal settore e di cui sono vittima principalmente le donne.

 

In prima istanza si ritiene  indispensabile aumentare la consapevolezza dei datori di lavoro rispetto alla problematica e promuovere iniziative di informazione e formazione di tutte le lavoratrici e lavoratori rispetto al fenomeno e agli strumenti normativi e contrattuali a loro tutela, al fine di individuare, prevenire e gestire episodi di violenza o molestie. – hanno sottolineato i sindacati – E’ interesse di tutti, infatti, datori di lavoro, lavoratrici e lavoratori, favorire un clima di rispetto e di benessere lavorativo, evitando il manifestarsi di comportamenti scorretti e inaccettabili,che hanno conseguenze non solo di carattere sociale ma anche economico”.

 

Contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro. Il seminario per delegati e delegate di Cgil Cisl Uil2019-05-20T16:02:01+00:00

I sindacati incontrano i candidati sindaco di Castelnovo ne’ Monti

Nelle giornate di martedì 21 e mercoledì 22 maggio Cgil Reggio Emilia e Cisl Emilia Centrale della montagna incontrano i candidati sindaco del Comune di Castelnovo ne’ Monti.

I temi che i sindacalisti sottoporranno ai candidati verteranno sulle relazioni sindacali, il mondo del lavoro, le politiche fiscali, la legalità e la sicurezza, le politiche socio-sanitarie, i servizi scolastici, l’ambiente il turismo l’agricoltura, la viabilità e i trasporti.

“E’ un momento importante di approfondimento sulle tematiche economico- sociali che riguardano il nostro territorio, in una fase storica molto delicata – affermano i coordinatori di zona Silvia Dalla Porta (Cgil) e Luca Ferri (Cisl Emilia Centrale) – . Saper leggere e interpretare i segnali  di una Comunità per progettarne al meglio il futuro; questo dovrebbe essere uno dei principali obbiettivi di Chi si appresta ad amministrare un Comune”.

I sindacati incontrano i candidati sindaco di Castelnovo ne’ Monti2019-05-20T13:25:41+00:00

I sindacati incontrano i candidati sindaco di Novellara. Lunedì 20 maggio alle ore 17:30

Un incontro con i candidati sindaco del comune di Novellara alle elezioni amministrative 2019 per capire come la pensano su welfare, lavoro, sviluppo ambiente e legalità.

E’ quello organizzato dai sindacati Cisl Emilia Centrale e Cgil Reggio Emilia della zona bassa reggiana, in vista delle prossime elezioni in programma il 26 maggio.

L’incontro si terrà lunedì 20 maggio, al circolo ricreativo di Via V. Veneto 30 alle ore 17:30 di Novellara.

 

Elena Caretti, di Novellara Bene Comune, Giovanni Mulè del Movimento 5 Stelle, Luca Sottana di Novellara tradizione e futuro, Angela Tagliavini di Siamo Novellara e Cristina Fantini di Centrodestra per Novellara discuteranno sui temi più significativi per la vita delle lavoratrici e dei lavoratori, delle pensionate e dei pensionati di tutta la comunità.

 

I sindacati incontrano i candidati sindaco di Novellara. Lunedì 20 maggio alle ore 17:302019-05-19T12:05:17+00:00

A Guastalla i candidati sindaco incotrano i sindacati

Il prossimo mercoledì 22 maggio i sindacati incontreranno i candidati sindaco delle prossime elezioni del Comune di Guastalla alle 17:30 presso il centro sociale 1 maggio in via G. Vittorio 2.

Welfare locale, mobilità, lavoro, sviluppo, ambiente e legalità sono alcune delle tematiche che verranno approondite durante la conferenza.

A Guastalla i candidati sindaco incotrano i sindacati2019-05-17T21:35:32+00:00

William Ballotta: “In via Turri cambiare è possibile e ci sono già i buoni esempi.” Incontro aperto il 22 maggio

Dopo la fase di emergenza, culminata con il fatale incendio del 9 dicembre scorso, quella del dialogo e del confronto. In una delle zone più difficili della città.

“Via Turri: solo paradigma di immigrazione e periferie?” è l’incontro aperto che propone la Cisl Emilia Centrale mercoledì 22 maggio dalle 17,30 alle 20,45, presso la sala Incerti (in via Turri 71 – 1^ piano).

“Sarà un momento di dialogo con rappresentanti delle associazioni attive in un quartiere che arriva a contare l’80% di popolazione immigrata e proveniente da 60 nazioni diverse, con un’età media molto bassa (mentre è alta tra i pochi italiani residenti) – spiega William Ballotta, segretario generale Cisl Emilia Centrale -. Nel nostro incontro proporremo una rete tra i diversi soggetti attivi, comprese le istituzioni. Crediamo che oltre le difficoltà ci siano le opportunità per un cambiamento che si potrà realizzare con nuove politiche socio abitative, di inclusione sociale e culturale, di sicurezza, di informazione, di rilancio del commercio, mobilità, con presidi sanitari (come già hanno svolto i volontari di Anteas e i pensionati di Fnp Cisl) e attività di animazione e doposcuola per ragazzi (sempre con l’associazione di volontariato promossa dalla Cisl). Con questa rete chiediamo anche di rilanciare il patto di convivenza nella zona”.

E che cambiare è possibile già lo dimostra il Ceis che, in via Turri, ha realizzato, in collaborazione con Anteas,  un progetto sociale di lavoro di comunità finalizzato a ricostruire legami tra le persone del quartiere. “Ha avuto inizio con oltre cento visite degli operatori del Ceis casa per casa – anticipa Giulia Notari, operatrice sociale Ceis – finalizzate a conoscere le famiglie e individuare quelle motivate a partecipare e a fornire reciproco aiuto. Un progetto nato nel 2015 con il contributo della Fondazione Manodori, ma oggi autonomo, che ha permesso di svolgere attività che proseguono tutt’ora, come ad esempio la distribuzione alimentare (di cibo fresco Coop in scadenza) autogestita dalle famiglie. Oltre al risparmio economico gli stessi nuclei si conoscono e interagiscono, così abbiamo sviluppato anche altri percorsi per l’organizzazione del lavoro, del tempo libero, dello sport e di comunità vera e propria, come una cena condivisa di quartiere in piazza Secchi che si ripeterà. Sono stati coinvolti, ad oggi, oltre 60 nuclei e circa 200 persone. Parliamo di residenti in condizioni di fragilità economica, ma desiderosi di riappropriarsi della socialità e risolvere i propri problemi”.

Un altro esempio. “Con la Fondazione Mondinsieme seguiamo 35 associazioni e molti loro associati sono localizzati in via Turri – spiega il direttore della stessa, Ivan Mario Cipressi -. Siamo parte della Cooperativa di comunità Impossibile, collaboriamo con la Cooperativa Accento e con l’Oratorio don Bosco per il potenziamento della lingua italiana dei giovani neoarrivati nel nostro paese, con 77 iscritti. Quindi svolgiamo attività di sostegno con le associazioni di persone di origine straniera che in questo quadrante hanno sede e svolge attività di formazione e sensibilizzazione con il centro culturale di via Gioia. Abbiamo anche progetti interculturali tipo ‘indovina chi viene a cena’, che ha coinvolto 230 persone pur non riguardano solo la zona stazione, ma tutta la città e che hanno come obiettivo la creazione di occasioni di conoscenza e scambio di esperienza di vita”.

L’incontro di mercoledì 22 è aperto a lavoratori, delegati, cittadini e interessati al confronto su questi temi di interesse della città. Intervengono: William Ballotta segretario generale Cisl Emilia Centrale, Domenico Chiatto, segretario Cisl, Giulia Notari, Ceis, Fulvio Bucci, presidente Cooperativa di Comunità Impossibile, Marino Favali, Anteas Fnp Cisl, Mario Cipressi, direttore Centro culturale Mondinsieme. Gli interventi e il dibattito saranno moderati da Andrea Sirianni, segretario Cisl. Seguirà un piccolo aperitivo alle ore 20:45.

 

William Ballotta: “In via Turri cambiare è possibile e ci sono già i buoni esempi.” Incontro aperto il 22 maggio2019-05-16T16:05:08+00:00

Elezioni comunali: confronto Cgil e Cisl con candidati sindaco Sassuolo e Fiorano

Sono due gli incontri con i candidati sindaco promossi da Cgil e Cisl del distretto ceramico. Il primo è previsto domani – venerdì 17 maggio – con i candidati sindaco del Comune di Sassuolo. L’iniziativa si svolge alle 15.30 presso la sala Rossa della Cgil di Sassuolo (via Tien An Men 21, secondo piano). (altro…)

Elezioni comunali: confronto Cgil e Cisl con candidati sindaco Sassuolo e Fiorano2019-05-17T08:50:40+00:00

Modena: un territorio con molte luci e qualche ombra

Modena si contraddistingue ancora per condizioni di benessere più elevate non solo della media nazionale, ma anche di buona parte dell’Emilia-Romagna e del Nord Italia. Tuttavia anche a Modena chi è povero è sempre più povero. Sono circa 18 mila (pari al 6% del totale) le famiglie modenesi in situazione di grave deprivazione materiale. (altro…)

Modena: un territorio con molte luci e qualche ombra2019-05-14T10:53:45+00:00