La Cisl Funzione pubblica sul caso scuole dell’infanzia di Albinea: “Si accertino le responsabilità senza generalizzare”

Massimo rigore nei confronti di chi abbia truffato il proprio datore di lavoro, ma massima attenzione a non generalizzare nei confronti di tutti i dipendenti pubblici. Questa la posizione della Cisl Funzione Pubblica, il settore del sindacato di via Turri che segue il pubblico impiego, all’indomani dei casi emersi, e in via di accertamento, alle scuole per bambini 0 – 6 anni Frassino e Aquilone di Albinea.

Fabio Bertoia

“Una volta appurate le responsabilità del caso – dichiara Fabio Bertoia, neo Segretario Generale della Cisl Funzione Pubblica e operatore che segue direttamente l’ente pubblico pedecollinare -, è indubbio che chi abbia sbagliato debba pagare le conseguenze, in quanto oltre al danno materiale c’è una responsabilità aggiuntiva data dall’essere dipendenti pubblici e quindi al servizio della comunità”.

“Episodi del genere rischiano di screditare tutto il pubblico impiego – riprende Bertoia – e contrastano totalmente con le realtà che vediamo quotidianamente all’interno dei luoghi di lavoro. Composti nella stragrande maggioranza da persone che, nonostante le tante difficoltà, danno il massimo, molto di più di quanto gli sarebbe richiesto, e grazie al proprio lavoro suppliscono quotidianamente a carenze strutturali, di organico od organizzative”.

La Cisl Funzione pubblica sul caso scuole dell’infanzia di Albinea: “Si accertino le responsabilità senza generalizzare”2018-07-11T15:42:27+00:00

Ausl, concorso come operatore socio sanitario per l’assunzione a tempo indeterminato

C’è tempo fino al 7 giugno. Entro questa data gli operatori socio sanitari interessati a lavorare nel servizio sanitario nazionale devono presentare la propria candidatura per il concorso bandito dall’azienda Ausl di Reggio insieme a quella Piacenza e alle due aziende sanitarie pubbliche di Modena, Policlinico e Ausl.

“Erano quasi 10 anni che non si organizzava una selezione a tempo indeterminato per operatori socio sanitari – dichiara Gennaro Ferrara, dirigente sindacale della Cisl Funzione Pubblica -. Per questo, considerato anche che l’operatore socio sanitario è una figura fondamentale nell’assistenza di base ai pazienti, ci si aspetta grande partecipazione. Infatti – prosegue Ferrara – se le domande saranno numerose l’azienda ha già individuato le possibili date per lo svolgimento di una prova pre selettiva, in programma a Piacenza il 27 e il 28 giugno”.

E proprio in vista di questo prima selezione la Cisl propone a tutti gli operatori socio sanitari un corso di preparazione. “Abbiamo organizzato un mini ciclo di lezioni per il 30 maggio, il 7 e il 19 giugno per aiutare i candidati nel lavoro di studio e di ripasso delle materie concorsuali. Inoltre, se qualcuno avesse difficoltà nella compilazione della domanda, i nostri delegati sono a disposizione previo contatto mail a concorso.reggioemilia@gmail.com o al numero di telefono 320 867 06 17”.

Ausl, concorso come operatore socio sanitario per l’assunzione a tempo indeterminato2018-05-14T20:28:31+00:00

Frignano: sindacati e Unione di nuovi ai ferri corti

È durata poco la tregua tra i sindacati e l’Unione del Frignano. Nell’ultimo incontro – accusano Fp Cgil, Cisl Funzione pubblica e Sulpl -, la delegazione dell’Unione ha impedito di fatto ogni possibilità di accordo sulle questioni poste da tempo, che riguardano principalmente la polizia municipale e i servizi sociali. (altro…)

Frignano: sindacati e Unione di nuovi ai ferri corti2018-02-01T09:31:18+00:00

La Cisl fa il punto sulla Sanità reggiana: “Investimenti, confronto, tenuta dei punti nascita per un sistema più efficiente”

 

 

“Un confronto continuo e approfondito sulla sanità per rendere il sistema  sanitario  più efficiente, attraverso la collaborazione dei cittadini, degli operatori, delle istituzioni, dei sindacati. L’efficienza si può coniugare con la vivibilità dei territori, soprattutto quelli marginali”. Questa è la richiesta che muove il sindacato Cisl Emilia Centrale sul tema del riordino ospedaliero e dei punti nascita.

Dopo un confronto interno, infatti, il segretario Cisl Emilia Centrale, Andrea Sirianni ha affermato: “Abbiamo salutato con favore la nascita della nuova azienda unica Usl. Essa rappresenta un’occasione per qualificare ulteriormente la sanità reggiana, offrire servizi sempre più elevati ai cittadini. Evita un’eccessiva centralizzazione, anzi mantiene un’equilibrata distribuzione dei servizi socio sanitari su tutti i territori. Sono, del resto, le condizioni che hanno permesso alla nostra sanità di raggiungere i livelli di eccellenza e che intendiamo mantenere e rafforzare. Durante il percorso di consultazione, inoltre, abbiamo sempre dato il nostro contributo in termini di proposte e idee, molte delle quali sono state recepite e introdotte nel testo soprattutto in merito alla qualità del lavoro”.

Per Cisl Emilia Centrale è necessario ragionare sulle vocazioni distintive, degli ambiti in cui ogni presidio ospedaliero si deve specializzare. “Occorre partire da un confronto serrato – aggiunge Rosamaria Papaleo, segretaria Cisl Emilia Centrale – e, ora, si tratta di dare piena operatività ai servizi e alle forme di cooperazione per innalzare proprio il livello qualitativo, valorizzare le risorse umane e professionali. Questo porterà a migliorare il lavoro, con una particolare attenzione al territorio ed alle famiglie che lo abitano mantenendo per questo i presidi essenziali e necessari in ogni distretto ”.

Il sindacato si è espresso inoltre contrario alla turnazione estiva dei reparti maternità di Montecchio, Castelnovo Monti e Scandiano: “E’ un episodio allarmante di una programmazione che evidentemente a diversi livelli mostra tutti i suoi limiti – dicono i segretari – Abbiamo più volte domandato un confronto preventivo con l’azienda, peraltro previsto dalla legge regionale. Siamo comunque pronti a prenderci le nostre responsabilità e vogliamo al più presto affrontare l’annosa questione sull’adeguatezza degli organici nella sanità (in particolare sui punti d’emergenza e pronto soccorso). Non possiamo permetterci reparti a corto di personale!”.

Cisl Emilia Centrale appoggia con forza la deroga, presentata al Ministero, in merito alla chiusura del reparto di ginecologia ed ostetricia dell’Ospedale S. Anna di Castelnovo ne’ Monti: “In montagna il fattore identitario dei servizi è amplificato – dichiarano i segretari -. E’ necessario investire per rendere sicuro il parto in montagna e per rafforzare tutto l’Ospedale. Del resto questi investimenti sono stati già annunciati: 2 milioni per le infrastrutture ed circa un milione per l’assunzione di 16 tra medici ed infermieri come previsto nel piano presentato ai sindaci quasi sei mesi fa”.  Di giudizio positivo anche la deroga richiesta per l’ospedale di Scandiano visto l’alto numero di parti che si svolgono ogni anno: “Appoggiamo la deroga, ma vogliamo avere informazioni in merito all’ambizioso progetto Mire – concludono i segretari assieme al gruppo Cisl Emilia Centrale Coordinamento donne e alla categoria dei pensionati Cisl, la Fnp, e a quella della funzione pubblica – Le future mamme devono essere messe in condizione di partorire in luoghi sicuri e raggiungibili”.

 

“L’Italia è il Paese con il più basso tasso di mortalità materne: si stimano 10 decessi ogni 100 mila nati vivi. – conclude, infine, la segretaria Rosamaria Papaleo –. I dati sono stati elaborati attraverso un sistema di sorveglianza attiva che monitora il fenomeno in 8 regioni italiane tra cui l’Emilia Romagna. Questo non è forse un indicatore di sicurezza e di buon funzionamento delle cure specialistiche prima, durante e dopo il parto nella nostra regione? Allora tutti si collabori per mantenere e migliorare tali risultati mantenendo una forte presenza sui territori in particolare quelli più disagiati”.

La Cisl fa il punto sulla Sanità reggiana: “Investimenti, confronto, tenuta dei punti nascita per un sistema più efficiente”2017-07-26T10:13:10+00:00

Terre d’Argine: sospeso stato agitazione lavoratori servizi sociali

RAKEL WILIANA VIGNALI_3

Rakel Wiliana Vignali (Cisl Fp Emilia Centrale)

È stato sospeso lo stato di agitazione dei lavoratori dei servizi sociali dell’Unione delle Terre d’Argine. Lo hanno deciso i sindacati Fp Cgil e Cisl Funzione pubblica dopo il tentativo di conciliazione avvenuto l’altro ieri in prefettura a Modena. «Il sindaco di Carpi Alberto Belelli, che è anche assessore ai Servizi sociali dell’Unione Terre d’Argine, ha riconosciuto da subito le ragioni dei lavoratori – affermano Anna Paragliola (Fp Cgil) e Rakel Wiliana Vignali (Cisl Fp) – (altro…)

Terre d’Argine: sospeso stato agitazione lavoratori servizi sociali2017-02-03T09:52:58+00:00

Unione Frignano: domani attivo delegati su accordo quadro per il contratto

VINCENZO TAGLIAFERRI_1

Vincenzo Tagliaferri, responsabile Cisl Frignano

Si riunisce domani – martedì 14 giugno – l’attivo unitario dei delegati degli enti locali di Cgil e Cisl del Frignano per discutere la proposta di accordo quadro sul contratto collettivo decentrato dei dipendenti degli undici enti da avanzare nei prossimi mesi alla presidenza dell’Unione. L’incontro si svolge dalle 15 alle 18 presso l’Unione Comuni del Frignano a Pavullo. I delegati si riuniscono per licenziare la piattaforma e la composizione della delegazione trattante. (altro…)

Unione Frignano: domani attivo delegati su accordo quadro per il contratto2016-06-13T13:09:56+00:00

Camera di commercio di Modena: parla la Cisl

WILLIAM BALLOTTA_48

William Ballotta, segretario generale Cisl Emilia Centrale

Sul tema della presidenza vacante della Camera di commercio di Modena interviene oggi il segretario generale della Cisl Emilia Centrale William Ballotta. (altro…)

Camera di commercio di Modena: parla la Cisl2016-06-06T17:16:12+00:00

Cisl Fp, Fials, Nursind e Nursing Up replicano a dati Ausl Modena

PATRIZIA DE COSIMO_3

Patrizia De Cosimo (Cisl Fp Emilia Centrale)

Sollecitiamo l’AUSL a che si preoccupi di razionalizzare e la smetta di mettere le mani nelle “tasche dei lavoratori”
L’Azienda spieghi quanto sta spendendo in straordinario
Il dato che ha fornito pare “dimenticare” alcuni “pezzi” (altro…)

Cisl Fp, Fials, Nursind e Nursing Up replicano a dati Ausl Modena2016-05-26T08:04:21+00:00

Pubblico impiego: domani sciopero regionale per il contratto

DAVIDE BATTINI_3

Davide Battini, segretario generale Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale

Si prevede un’alta adesione a Modena allo sciopero regionale del pubblico impiego, sanità privata e privato sociale, proclamato per domani – martedì 24 maggio – dai sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa per chiedere il rinnovo del contratto nazionale, lo sblocco delle assunzioni, investimenti in formazione e lotta agli sprechi. (altro…)

Pubblico impiego: domani sciopero regionale per il contratto2016-05-23T08:54:19+00:00