Papaleo (Cisl): “Insieme contro la tratta: a Reggio si chiama prostituzione, ora al chiuso”

Venerdì 22 novembre l’iniziativa Società pacifiche e inclusive e contrasto alla violenza sulle donne alle ore 9:00 presso il Binario 49 in via Turri 49 a Reggio Emilia 

“La tratta di essere umani a Reggio Emilia ha volti ben precisi. Sono quelli di ragazze Nigeriane, cinesi, romene, a volte albanesi e marocchine: sono costrette a prostituirsi, in alcuni casi pure minorenni. Ma la Costituzione italiana nel riconoscere e garantire di diritti inviolabili dell’uomo vieta questo crimine”. La denuncia e l’analisi di William Ballotta e Rosamaria Papaleo, segretario generale e segretaria Cisl Emilia Centrale giunge in previsione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne del 25 novembre.
Per questo per approfondire e discutere il tema la Cisl Emilia Centrale ha organizzato una conferenza in programma venerdì 22 novembre alle ore 9:00 presso il Binario 49 in via Turri 49 a Reggio Emilia. Oltre ai due sindacalisti interverranno Ajna Jusic, presidente di Forgotten Children of War, Jabbar Moustafa, volontario Focsiv a Kirkuk nel Kurdistan iracheno, Giovanna Bondavalli, responsabile del progetto Rosemary sulla tratta e traffico di essere umani e Annalisa Rabitti, assessore alla Cultura Città senza barriere e Pari Opportunità.

Al termine della conferenza alle ore 12:30 è prevista la visita guidata alla mostra Breaking Free che a Binario 49 racconta del tema dei nati da stupri di guerra.
La ‘tratta di persone’ insorge quando una rete criminale, attraverso diverse possibili modalità – spesso con la spirale del debito -, recluta la vittima, la trasferisce generalmente in altro paese, e la sottopone a uno stato di assoggettamento con l’obiettivo di ricavare profitto dal suo sfruttamento. A volte di lavoro, come al sud, spesso per la prostituzione, al Nord, nella nostra città.
“Reggio Emilia – aggiunge Rosamaria Papaleo – non è un’isola felice. La tratta di esseri umani, su base regionale, nel 78,2% dei casi (Cittadini stranieri in Emilia-Romagna Tratta di esseri umani e grave sfruttamento: il fenomeno e gli interventi) si mimetizza da sfruttamento sessuale – pur risultando in calo lo sfruttamento lavorativo e anche di quello legato ad attività illegali -. Riguarda donne in misura principale, per l’83,5% (quasi il 4% le minorenni) E’ troppo facile pensare di non vederla. Soprattutto se questa, rispetto agli anni Ottanta e Novanta, evolve e la si pratica al chiuso”.
“La Giornata contro la violenza sulle donne – dichiara l’assessore alla cultura Annalisa Rabitti – è un’occasione imprescindibile per riflettere su questo fenomeno tragicamente diffuso. Una ragazza in strada è una donna alla quale è stata tolta ogni dignità. Le hanno rubato il rispetto per la sua anima prima ancora del rispetto del suo corpo. E spesso le hanno rubato i suoi sogni di bambina. Il Comune di Reggio, con i suoi diversi servizi e con l’aiuto di una eccezionale rete di volontariato, non può restituire quei sogni rubati, ma tende la mano perché la vita di queste donne ritrovi speranza”.
Tra i dati della “tratta delle schiave del sesso” quello significativo delle oltre 200 ragazze che ora hanno iniziato una nuova vita grazie al progetto Rosemary attivo a Reggio dal 1997. Un numero che potrebbe avere dimensioni cinque volte superiori se si considerano le ragazze che hanno chiesto aiuto ad altri enti.

LA PROPOSTA

Una rete contro lo sfruttamento

“Purtroppo meno della metà di persone vittime della tratta (il 56%) denuncia quanto accaduto una volta in contatto con Forze dell’ordine o servizi – spiega Rosamaria Papaleo, segretaria Cisl -. I diritti e la dignità della persona sono da opporre categoricamente a degrado e sfruttamento. Per questo auspichiamo il potenziamento delle Unità di strada, dell’accoglienza, della sicurezza ma, anche, di un cambio culturale nella società. Gli attori protagonisti che possono fare la loro parte – conclude la segretaria – sono molteplici: enti pubblici – con particolare riferimento al Fondo sociale europeo finalizzato all’inclusione sociale dei gruppi di popolazione maggiormente vulnerabili -, strutture sanitarie, cooperative, comitati dei cittadini, anche la scuola perché dobbiamo iniziare ad essere informati a come riconoscere la tratta. Come sindacato siamo pronti a fare la nostra parte”.
(altro…)

Papaleo (Cisl): “Insieme contro la tratta: a Reggio si chiama prostituzione, ora al chiuso”2019-11-19T12:35:28+00:00

In occasione della giornata internazionale contro la violenza di genere, Perché il desiderio dell’uomo si volge tanto facilmente in violenza?

In occasione della giornata internazionale contro la violenza di genere
Perché il desiderio dell’uomo si volge tanto facilmente in violenza?
L’iniziativa promossa da Cisl e Fnp Emilia Centrale si terrà il 26 novembre nella sala civica di Novellara

“Per riuscire a contrastare la violenza sulle donne non basta condannare – afferma Margherita Salvioli Marianisegretaria generale aggiunta di Cisl Emilia Centrale – bisogna cercare di capire cosa accade nella mente dell’uomo e cosa lo spinge  ad agire violenza su una donna, spesso moglie o compagna”..
In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, Cisl e Fnp-Cisl Emilia Centrale coordinamento donne organizzano l’incontro aperto a tutti i cittadini: Nuova condizione maschile e violenza sulle donne: perché il desiderio dell’uomo si volge tanto facilmente in violenza? In programma sabato 26 novembre alle ore 15.15, nella sala civica A. Daolio, Piazza Marconi n.1 di Novellara.

Inserita all’interno di una rassegna promossa dal Comune in questa ricorrenza, alla conferenza interverranno dopo i saluti del Sindaco di Novellara, Elena Carletti, il professor Sergio Manghi, docente di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi del dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società  presso l’Università degli Studi di Parma, la dottoressa Vanna Borsari, presidente del Centro Antiviolenza “Vivere Donna” di Carpi e la segretaria generale aggiunta, Margherita Salvioli Mariani. Presenta e modera la coordinatrice Cisl Emilia Centrale, Simonetta Sambiase.

“La condizione maschile del nostro tempo – spiegano la dottoressa Fernanda Rovesti, psicoterapeuta e Giorgia Lusetti, sociologa, entrambe di Fnp-Cisl Emilia Centrale, sezione RLS – è un aspetto ancora poco esplorato.”
“In una società tanto cambiata – conclude la segretaria Margherita Mariani – vorremmo comprendere assieme ai presenti, da dove provenga l’antica rivalità maschile per il possesso sulle donne e cosa possiamo fare per dire basta alla violenza, anche nei luoghi di lavori. Per questo invitiamo tutti a partecipare”.

conferenza_sabato_img

In occasione della giornata internazionale contro la violenza di genere, Perché il desiderio dell’uomo si volge tanto facilmente in violenza?2016-11-23T17:37:00+00:00