L’Anteas di Modena e Sassuolo ha organizzato lunedì 19 Settembre, con la collaborazione della Fnp rls di Sassuolo e le Associazioni San Gaetano di Formigine, Grancia di Maranello e Congresco di Sassuolo, un incontro di festa con i ragazzi diversamente abili nella sede comunale Orti di Ligorzano (Maranello). (altro…)

2022-09-23T15:38:58+00:00

Luzzara e la Cisl salutano Luciano Semper: “il suo impegno per un mondo migliore”

Pur provato dalla malattia, ha speso i suoi ultimi giorni per la fede, per il sindacato e per la condanna delle atrocità della guerra. Si è spento nella notte Luciano Semper, già vicesindaco di Luzzara, nonché in passato segretario generale della UGC (Unione Generale Coltivatori) e successivamente della Fnp Cisl Reggio Emilia, il sindacato dei pensionati. Luciano si è sempre speso con grande generosità e passione nel suo lavoro di sindacalista finalizzato al bene comune. Ancora ora svolgeva la sua attività nella Anteas Reggio Emilia, di cui era vicepresidente.  (altro…)

Luzzara e la Cisl salutano Luciano Semper: “il suo impegno per un mondo migliore”2022-04-05T11:24:15+00:00

Il video sul Parmigiano Reggiano degli studenti di Reggio e Modena premiato a Roma da Anteas

Premio speciale della giuria per il video che racconta le aziende della filiera del Parmigiano Reggiano realizzato da 20 studenti dell’Istituto d’Istruzione superiore “Antonio Zanelli” in collaborazione con le Anteas Emilia Romagna e dei territori di Reggio Emilia e Modena. A Roma, presso l’Auditorium Donat Cattin, sono andate in scena le premiazioni del concorso nazionale #Tag-Territori alleanza generazionale, ideato dall’Anteas nazionale per promuovere, nelle 21 regioni italiane, la costituzione di gruppi di lavoro intergenerazionali e “multidisciplinari”. (altro…)

Il video sul Parmigiano Reggiano degli studenti di Reggio e Modena premiato a Roma da Anteas2021-10-01T17:15:41+00:00

20 studenti emiliano-romagnoli protagonisti del progetto #Tag di Anteas con il Parmigiano Reggiano. Con videoclip

Ha per protagonisti il Parmigiano Reggiano e 20 studenti dell’Emilia Romagna il progetto #Tag “Territori e Alleanza Generazionale” al via da lunedì nel Reggiano.

Sofia Rosso

“E’ un progetto nazionale di cui Anteas è capofila in partenariato con CdO Opere Sociali, Ancos, Unpli Lazio e l’Associazione La Strada. Cofinanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha tra i sostenitori anche il Consorzio del Parmigiano Reggiano. L’obiettivo è quello di favorire il confronto intergenerazionale tra giovani e adulti, attraverso il racconto delle tipicità locali che caso emiliano-romagnolo sono rappresentate dalla filiera del Parmigiano Reggiano”, spiega Sofia Rosso, presidente nazionale di Anteas.

“Il mondo del Parmigiano Reggiano coi suoi 330 caseifici – spiega Riccardo Deserti, direttore generale del Consorzio di tutela – è un caleidoscopio di esperienze,  territori e, come dimostrano le ultime ricerche sulla stagionatura, di scienza. Siamo orgogliosi che gli studenti di un istituto agrario lo descrivano attraverso uno dei loro linguaggi preferiti: videoclip realizzati con  smartphone”.

“In tempi di Covid – spiega la preside dell’Istituto d’istruzione superiore ‘Antonio Zanelli’, Mariagrazia Braglia – dimostriamo che con le nuove tecnologie è possibile proseguire in obiettivi didattici legati alle produzioni e, anche, al dialogo intergenerazionale, guardando in faccia a questa realtà così diversa rispetto a un anno fa. Il nostro Istituto è aperto a collaborazioni di calibro locale e nazionale come questa perché accrescono le competenze”.

Mariagrazia Braglia

La filiera 2021 del Parmigiano Reggiano, sarà quindi raccontata da 20 studenti di Reggio, Modena e Bologna dello “Zanelli” attraverso realizzazione di filmati – nei formati a loro più congeniali – di 3 minuti l’uno, formati e guidati dal regista reggiano Massimo Ballabeni. Quindi gareggeranno al contest nazionale di progetto #Tag che selezionerà gli elaborati migliori su base nazionale.

“Ai ragazzi – spiegano Anteas Reggio Emilia Aps e Odv, Anteas Guastalla, Etsi Reggio Emilia e Anteas Modena Odv – metteremo a disposizione una formazione a distanza basata su approfondimento della filiera, approccio al mondo giornalistico, nozioni di riprese e montaggio”.

Massimo Ballabeni, regista

Conclusa la formazione, messa in campo dalle Anteas e coordinata dal giornalista e agronomo Gabriele Arlotti e dal professor Carlo Scalabrini, gli studenti delle classi terze, quarte e quinte dell’indirizzo agrario/agroindustria, articolazione produzioni e trasformazioni realizzeranno le riprese a marzo 2021. Altrettanto faranno i loro colleghi nelle restanti regioni italiane.

20 studenti emiliano-romagnoli protagonisti del progetto #Tag di Anteas con il Parmigiano Reggiano. Con videoclip2021-02-06T11:09:23+00:00

Con Anteas i pensionati Cisl fanno volontariato: l’anno scorso 2 mila utenti serviti e 5 mila ore regalate

Oltre 5 mila ore di volontariato, 900 viaggi effettuati da sei automezzi (per 32 mila km percorsi complessivamente), quasi 2 mila utenti serviti. Sono i numeri dell’attività svolta nel 2018 da Anteas, associazione di volontariato promossa dal sindacato pensionati Fnp Cisl Emilia Centrale. (altro…)

Con Anteas i pensionati Cisl fanno volontariato: l’anno scorso 2 mila utenti serviti e 5 mila ore regalate2019-05-02T09:10:59+00:00

Lavoro, violenza domestica, abitare… a Luzzara, nel paese di Zavattini, Anteas disegna una cittadina più bella #labuonanotizia #anni10

“E’ una Luzzara più bella e ricca di welfare quella che, da quasi un anno, vede al lavoro una decina di volontari di Anteas (l’associazione nazionale tutte le età attive per la solidarietà promossa dalla Fnp e dalla Cisl) a servizio della comunità tutta e dei nuovi bisogni delle persone”. Sono le parole di William Ballotta, segretario generale Cisl Emilia Centrale nel commentare il progetto “Comunità in ascolto: accorciamo le distanze”.

“Da sempre come associazione – spiega Giuseppe Polichetti, presidente Anteas Emilia Centrale – ci attiviamo per un coinvolgimento della comunità nelle sue eccellenze e, nel rigenerare reti amicali, il progetto nel territorio di  Luzzara  centra questo obiettivo”.

“Ci eravamo resi conto – spiega Doris Salardi, coordinatrice del progetto – che la cosiddetta fascia grigia di persone in difficoltà, senza lavoro, se non addirittura vittime di violenza era in aumento. Da qui l’idea, all’interno di un progetto finanziato dalla Fondazione Manodori, che ha per capofila il Comune di Quattro Castella, assieme ai  Comuni di Correggio, Scandiano, la Cooperativa sociale Pangea, e con partner  la stessa Anteas, in partecipazione col Comune di Luzzara. Questo progetto nel paese di Zavattini si è concretizzato con un vero e proprio sportello per le persone”.

Qui, presso il polo sanitario di via Filippini 65, di fianco al Cup, il lunedì, martedì e giovedì, dalle 9 alle 12, “le persone, garantite da riservatezza e anonimato, possono chiedere aiuto per le principali difficoltà sociali che stanno caratterizzando la fine degli anni Dieci”, spiega Sadid Aziz, responsabile per la Bassa della Cisl Emilia Centrale.

“In questo sportello non forniamo soluzioni, ma strumenti per affrontare i problemi – riprende la Salardi – ‘perché voglio conoscere me nel rapporto con gli altri’, come diceva Zavattini che qui visse. Pubblicizzato dallo scorso ottobre solo con passaparola e volantinaggio o segnalazione diretta, ha visto i volontari dividersi i compiti a seconda delle rispettive competenze: pianeta anziani, lavoro, donne in difficoltà, volontariato e servizi, per i quali si collabora con Comune, Caritas, l’Associazione Non Da Sola, Auser. Nel concreto sono giunte, “in silenzio e con grandissima dignità,  donne vittime di violenza domestica, tra cui alcune di origine immigrata, una decina di persone in cerca di lavoro, e altre con diverse esigenze, come ad esempio, alla ricerca di alloggio”.

A disposizione si sono messe la stessa Cisl, con il suo sportello lavoro, gratuitamente un’agenzia interinale (Staff), e giovani come la psicoterapeuta Francesca Cagnolati che cura la formazione degli stessi volontari: “Chiedere aiuto – afferma l’esperta – non è un atto di debolezza, ma di estremo coraggio. Questa luzzarese di Anteas è un’ottima esperienza che può essere replicata anche in altri comuni e dimostra come una comunità possa volersi bene”.

Il progetto, che naturalmente è privo di lucro, durerà due anni, dopo i quali dovrà camminare sulle proprie gambe ed autosostenersi.

A sostengo di questa iniziativa è organizzato il pranzo “Il gusto della solidarietà”, il giorno 14 ottobre, alle 12.30, presso il Centro Sociale limitrofo, dal costo di 20 euro (prenotazioni al 3923772112, 3336696752, 3393506837).

 

I VOLONTARI PROTAGONISTI

Ecco qui tutti i volontari di Anteas che si stanno alternando nello sportello di Comunità in ascolto: Angela Bertoli, Clementina Lupi, Cosetta Tonin, Cristina Moietta, Doris Salardi, Giorgia Lusetti, Vanni Fava, Lorenzo Bernini, Cristina Salardi, Cristina Manfredini e Mara Bazzoni.

 

Sulla pagina Facebook della Cisl le video interviste a Doris Salardi, Francesca Cagnolati, e alle volontarie Cristina Moietta, Cosetta Tonin e Clementina Lupi.

 

Lavoro, violenza domestica, abitare… a Luzzara, nel paese di Zavattini, Anteas disegna una cittadina più bella #labuonanotizia #anni102018-09-18T15:11:16+00:00

Truffe e reati informataci: ne parlano in Cisl gli esperti Siulp della Polizia di Stato

 

La rete e il mondo di internet nascondono pericoli e insidie nei quali spesso cadiamo senza accorgercene. Per imparare a prevenire truffe e reati informatici e conoscere il significato di termini come social network, web, email,   Cisl Emilia Centrale, Anteas, Fnp Cisl Emilia Centrale, in collaborazione con il Siulp, il sindacato della Polizia di Stato, organizzano un ciclo di due conferenze dal titolo “Districarsi dalla rete” che si terranno presso l’auditorium del Centro congressi Simonazzi, in via Turri 55 a Reggio Emilia, martedì 24 ottobre e martedì 21 novembre alle ore 20.30.

Il primo incontro sarà tenuto da due esperti della polizia postale: Cosimo Matarrese, parlerà dei reati in generale e Mario Scarapellini approfondirà i reati informatici e le insidie della rete.

Le conferenze sono gratuite e aperte a famiglie, lavoratori, pensionati e a tutti coloro che vogliono imparare a navigare in rete in modo consapevole.

Truffe e reati informataci: ne parlano in Cisl gli esperti Siulp della Polizia di Stato2017-10-19T08:16:53+00:00

Contratti commerciali indesiderati, truffe e raggiri: a Novellara una conferenza per imparare a difendersi

 

“Oggi, nel libero mercato, sempre più spesso i contratti commerciali e le pubblicità nascondono stratagemmi e sotterfugi per ingannare i consumatori e indurlo al cambio d’utenza: i nostri uffici raccolgono le segnalazioni, ma in maniera preventiva siamo chiamati a formare la popolazione con incontri sul territorio”. Commenta così, Adele Chiara Cangini, responsabile Adiconsum Cisl Emilia Centrale, il prossimo incontro che si terrà venerdì 20 ottobre, dalle ore 16.00 alle ore 18.30, presso Sala Papa Giovanni Paolo II.

Alcuni esempi di cui l’associazione a tutela dei consumatori si è occupata: in merito all’energia c’è il caso di una casalinga che, forte del contratto in mercato tutelato per l’energia (es. con Enel o Iren), ha ricevuto una chiamata in cui le si diceva che, per forza di cose, doveva cambiare contratto, perché il mercato tutelato sarebbe sparito entro fine anno. “Cosa che non è vera – spiega Massimo Rancati di Adiconsum – dato che il Ddl concorrenza, approvato di recente dal Governo, in realtà ha fissato la scadenza del mercato tutelato a giugno 2019”. Oppure c’è il caso di un pensionato vittima della cosiddetta “truffa del catalogo”, in cui all’ignaro è fatta firmare su carata copiativa una ricevuta di consegna, di un catalogo di mobili, che, in realtà sottoscrive un contratto che obbliga all’acquisto per migliaia di euro per più anni!

Ecco la necessità di formare consumatori consapevoli, spiegare il diritto di recesso e il cambio d’utenza dei contratti con questo incontro novellarese, promosso da Adiconsum, Anteas e Fnp Emilia Centrale, che ha per titolo ‘Contratti commerciali non richiesti, truffe e raggiri: come difendersi’”.

I relatori dell’incontro, in via Borsellino a Novellara, saranno Massimo Rancati e Patrizia Barletta dell’associazione Adiconsum, l’associazione dei consumatori promossa dalla Cisl. L’iniziativa è realizzata nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico, ripartizione 2015.

Contratti commerciali indesiderati, truffe e raggiri: a Novellara una conferenza per imparare a difendersi2017-10-17T07:07:59+00:00
Torna in cima