CRISI MOZARC, IL GRANDE SOSTEGNO DELLA CHIESA AI LAVORATORI. ARRIVATA LA SOLIDARIETA’ DEL CARD. ZUPPI E DEL VESCOVO ERIO “LE SOLUZIONI CI SONO E VANNO TROVATE”

|

Alla vigilia del primo confronto di domani con la multinazionale Mozarc nella sede di Confindustria, è arrivato l’endorsement del cardinale Matteo Zuppi, presidente della Conferenza Episcopale Italiana. 

Presa di posizione che impreziosisce questa giornata, segnata da un altro messaggio forte e chiaro: quello del vescovo di Modena, Don Erio Castellucci, che ha voluto esprimere il suo sostegno alle 350 persone che la multinazionale americana vorrebbe licenziare interrompendo la produzione a Mirandola.

ZUPPI: “LA SOLIDARIETA’ DELLA CHIESA E’ PIENA”
La solidarietà della Chiesa è piena. Le soluzioni ci sono e vanno trovate con pazienza e solidarietà, sapendo che la precarietà è quanto di peggio ci possa essere. Ci auguriamo che le parti sociali riescano a trovare gli accordi e le garanzie per guardare con speranza al futuro. Sentiteci vicini” ha detto in un video messaggio Zuppi, trasmesso al presidio Mozarc nel tardo pomeriggio.

IL MESSAGGIO DEL VESCOVO ERIO
Dritto al punto anche Don Erio: “Desidero manifestare la mia solidarietà ai lavoratori. Vi sono vicino e spero che anche l’interessamento della dottoressa Camporota, il Prefetto, possa favorire una soluzione positiva: un caro saluto!”, ha scritto Don Erio alle organizzazioni sindacali”.

Una giornata davvero eccezionale quella di oggi al presidio davanti ai cancelli Mozarc, conclusa con l’arrivo di Don Carlo Bellini, vicario per la pastorale della Diocesi di Carpi, giunto nel piazzale rovente dinanzi ai cancelli di Mozarc, per incontrare le lavoratrici e i lavoratori. 

Vorrei portarvi i saluti del Vescovo Erio e la vicinanza della Diocesi. Sono di Mirandola, conosco benissimo la storia del biomedicale mirandolese e gli uomini che l’hanno fatto.
Qui, dalle nostre parti, c’è l’orgoglio di lavorare, di produrre, di fare cose buone, c’è cultura del lavoro e qui non si lavora solo per portare a casa i soldi – ha detto Don Carlo, interrotto da un lungo applauso delle lavoratrici e dei lavoratori –. Qui il lavoro è un elemento culturale e di civiltà della vita e le persone qui ne sono orgogliose. Facciamo le Ferrari e facciamo i filtri che salvano le persone. Facciamo cose bellissime e questa cultura va salvaguardata, perché è un bel modo di lavorare, di pensare il lavoro e di stare al mondo. Vi auguro che la vostra battaglia abbia successo e che Mirandola possa continuare a crescere e con essa la civiltà del lavoro e del biomedicale, affinché possa rimanere un distretto sempre in crescita, anche pensando al futuro. Esattamente il contrario di ciò che stanno pensando di farvi fare. Il futuro esiste ed esiste un futuro coraggioso. Veronesi non c’è più ma ci siete voi, gente coraggiosa che può inventare il futuro del biomedicale. Col cuore siamo tutti vicino a voi”.

 

CGIL E CISL: “DALLA CHIESA UN SOSTENGO IMPORTANTISSIMO”
Per Lisa Vincenzi (Filctem Cgil) e Alberto SUffritti (Femca Cisl Emilia Centrale) “è importantissimo sentire al nostro fianco la forza e la solidarietà anche della Chiesa, che si è mobilitata in modo appassionato e intenso per proteggere il diritto al futuro di 350 persone che non possono pagare il conto di una scelta aziendale che vuole solo e soltanto mettere il profitto davanti alla vita di chi lavora e di chi ha reso il biomedicale un fenomeno mondiale. Fenomeno che andrebbe espanso, non attaccato nel modo brutale che sta seguendo Mozarc. A nome di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori, grazie di cuore al Cardinale Zuppi, grazie di cuore a Don Erio. Il loro coraggio nel prendere posizione è una testimonianza esemplare di impegno civile

 

Condividi questo articolo



CISL Emilia Centrale © Copyright 2014 - 2022

cislemiliacentrale.it
ust.emiliacentrale@cisl.it

Modena

Indirizzo: via Emilia Ovest 101, Modena
Tel: 059 890811 

Reggio Emila

Indirizzo: via Turri 69, Reggio Emilia
Tel: 0522 357411

Cerca nel sito
Convenzioni