MASERATI MODENA, I SINDACATI RIDUCONO GLI ESUBERI CON NUOVI INCENTIVI PER LE USCITE VOLONTARIE

|

Continua ad essere un momento durissimo per Maserati a Modena: con un accordo firmato il 3 aprile  Fim Cisl, Uilm Uil e  Aq Cfr sono riuscite ad ottenere la riduzione del numero di esuberi dichiarati da Stellantis, portandolo da 250 a 150 lavoratori sui 600 in organico, individuati tra dipendenti dell’Area Engineering e il personale a cartellino Stellantis in forza ad altri settori. Soprattutto, l’accordo congela l’Azienda, impedendole di lanciare azioni unilaterali come l’apertura di mobilità  e trasferimenti di personale in altre sedi.
L’intesa, che va in scia all’accordo quadro nazionale, prevede uscite volontarie sostenute da incentivi economicamente migliori rispetto ai precedenti visti nel gruppo.
I NUMERI DELL’ACCORDO
E’ prevista l’uscita di 130 dipendenti  dell’area Engineering su un totale di 509 in organico e di 23 lavoratori a cartellino Stellantis (su 111 in organico). Si tratta di figure individuate tra chi è vicino alla pensione e tra chi ha già ricevuto altre offerte di lavoro.

IL PESO DEGLI INCENTIVI
Gli incentivi saranno pari a 6 mensilità per chi è già in possesso dei requisiti per la pensione. Chi maturerà i requisiti per la pensione entro quattro anni riceverà per i primi 24 mesi un importo tale da raggiungere insieme al trattamento di Naspi il 90% della retribuzione lorda. Per i successivi 24 mesi è previsto un importo lordo pari al 70% della retribuzione lorda più un’ulteriore somma equivalente ai contributi previdenziali da versare.
Per coloro che non riusciranno ad agganciare la pensione, invece, gli incentivi saranno differenziati in base all’età: fra i 35 e i 39 anni sono previste 12 mensilità più 20.000 euro; fra i 40 e i 44 anni sono previste 18 mensilità più 20.000 euro; fra i 45 e i 49 anni sono previste 24 mensilità più 30.000 euro; fra i 50 e i 54 anni sono previste 30 mensilità più 30.000 euro. Dai 55 anni in su sono previste 33 mensilità più 30.000 euro. Inoltre, chi non raggiungerà la pensione potrà utilizzare il paracadute aziendale che fa scattare una clausola di sicurezza: consente la riassunzione in Stellantis per mancato superamento del periodo di prova presso il nuovo datore di lavoro, ovviamente per un fatto non imputabile al lavoratore.

IL GIRO DI BOA CON TAVARES E IL MINISTRO URSO
Con questo accordo siamo riusciti ad evitare una mannaia che avrebbe decretato un colpo grave, troppo grave, a Maserati. Siamo riusciti, cioè, a far prendere tempo al marchio ma ora chiediamo lo stop alle promesse vaghe – spiegano Alessandro Gamba (segretario generale aggiunto Fim Cisl Emilia Centrale), Alberto Zanetti (segretario Generale Uilm Uil Modena) e Franco Fei (segretario Aq Cfr) –. Occorre un piano industriale, occorre una strategia di rilancio. Sindacati e Istituzioni continuano a lavorare per avere un incontro con l’amministratore delegato Carlos Tavares e ci aspettiamo il massimo della serietà al tavolo riconvocato per metà aprile al Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Al Ministro Urso chiediamo e chiederemo un piano nazionale di supporto a tutto il settore dell’automotive, mettendo al centro interventi chiari e misurabili per il caso specifico di Maserati che è una delle anime della Motor Valley emiliana”.

Alessandro Gamba, segretario generale aggiunto Fim Cisl Emilia CentraleIL PIANO INDUSTRIALE CHE SERVE
Nel concreto, Fim, Uilm e Aq Cfr chiedono per  Modena nuovi modelli del settore lusso non incentrati esclusivamente sull’elettrico, che evidentemente stenta ancora ad imporsi sul mercato. Un messaggio di sos che parla anche alla politica, dalla quale i sindacati si aspettano “un approccio più equilibrato e meno ideologico alla transizione, che per essere davvero tale deve operare a 360°, non solo sul piano ambientale ma pure sui livelli economico e sociale”.
La strada da seguire per il rilancio “si basa sulla conferma della progettazione a DNA Maserati trasferita in Ciro Menotti. Una conferma arrivata, questa sì. E poi:  il ritorno all’interno di attività fin qui esternalizzate, l’arrivo in produzione della MC20 Extreme e dei nuovi prototipi che aiuteranno a superare le grosse difficoltà che in questa prima parte dell’anno hanno di fatto affondato la produzione in Maserati. Con l’Atelier di verniciatura  e personalizzazione delle colorazioni delle vetture Maserati, che sarà introdotto a fine anno, molti degli attuali problemi potranno essere risolti”.

Condividi questo articolo



CISL Emilia Centrale © Copyright 2014 - 2022

cislemiliacentrale.it
ust.emiliacentrale@cisl.it

Modena

Indirizzo: via Emilia Ovest 101, Modena
Tel: 059 890811 

Reggio Emila

Indirizzo: via Turri 69, Reggio Emilia
Tel: 0522 357411

Cerca nel sito
Convenzioni